Ladri rubano camion con gru: forse volevano colpire un bancomat

Il mezzo ritrovato intorno alle 7 del mattino dai vigilanti nei pressi di Torre Lapillo. Hanno chiamato i carabinieri. Era stato sottratto poco prima a una ditta edile di Casarano

TORRE LAPILLO – La sensazione è che una banda avesse in mente qualche colpo grosso, forse di sradicare un bancomat. Non c’è altro motivo per giustificare il furto di un camion Iveco, neanche tanto nuovo, dotato però di qualcosa di molto utile per certe malefatte: un braccio meccanico montato sul cassone.

Qualcosa, però, forse è andata storta. Può darsi che i ladri abbiano incrociato mezzi di forze dell’ordine di pattuglia o che, comunque, abbiano o intuito o persino in qualche modo saputo che le ricerche erano già in atto e che rischiavano, quindi, di essere colti in flagranza.

Tant’è. Poco dopo il furto messo a segno, nel parcheggio della ditta edile “Restauranda” di Casarano (avvenuto all’alba), che ha sede sulla via per Collepasso, i ladri hanno abbandonato l’Iveco. Non senza aver però fatto un bel po’ di strada. Il camion, infatti, è stato ritrovato questa mattina, verso le 7, sulla strada per Avetrana, comune in provincia di Taranto.

Era fermo al margine della carreggiata, esattamente alle spalle della pista Prototipo, in agro di Nardò, anche se nei pressi di Torre Lapillo, marina di Porto Cesareo. A scovarlo, sono stati alcuni vigilanti dell’istituto Fidelpol. A incuriosire le guardie giurate, il fatto che lo sportello del lato di guida fosse aperto. Guardando nell'abitacolo, hanno così notato il frutto del quadro rotto. E a quel punto, è stato evidente che si trattasse di un mezzo rubato.

I vigilanti hanno chiamato i carabinieri. Sul posto si sono così diretti i militari del Norm di Campi Salentina. I quali, in breve, dalla targa e dalle descrizioni, hanno accertato come si trattasse dello stesso camion il cui furto era stato segnalato poco prima alla compagnia di Casarano dell’Arma dai proprietari della ditta e le cui ricerche erano quindi state diramate su tutto il territorio provinciale.

C’è da aggiungere che, tale è l’allarme sociale generato dalle spaccate presso uffici postali e bancari avvenuti negli ultimi tempi, che ormai le forze dell’ordine, appena notano un camion con pale meccaniche issate, fermo o in movimento che sia, hanno la disposizione di accertare subito, tramite terminali e consultazioni alle banche dati, se si tratti di un veicolo rubato.

  

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: conducente in arresto

  • Tallonano la Punto, poi il colpo di pistola per far scendere la vittima

  • Paura sulla statale: perde il controllo e si schianta contro guardrail e albero

  • Cade da un'altezza di dieci metri praticando il parkour: 16enne in gravi condizioni

  • Dalla perquisizione della vettura spunta la droga: coppia di fruttivendoli nei guai

  • Suv scorrazzano tra studenti e bagnanti. E si tenta di deviare lo sbocco a mare dell'Idume

Torna su
LeccePrima è in caricamento