Piromani in azione nelle ultime ore: due vetture distrutte dal fuoco

L’ennesimo incendio nelle ultime ore, in una strada di Sternatia. Le fiamme sono state appiccate dai malviventi. Il veicolo colpito è ormai inutilizzabile. La sera prima un altro fatto analogo anche nel basso Salento

Foto di repertorio.

STERNATIA  - Un incendio doloso, nelle ultime ore, ai danni di una vettura. I piromani hanno colpito ancora, nel cuore della notte, distruggendo un mezzo parcheggiato in una strada di Sternatia, intestata a un artigiano del luogo, incensurato.

L’allarme è giunto alla sala operativa dei vigili del fuoco: sul posto, poco dopo, i pompieri del distaccamento di Maglie per spegnere il rogo. Assieme ai “caschi rossi”, anche i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia magliese, impegnati nei rilievi e nelle indagini. Il mezzo, una Fiat Coupè, si trovava in sosta nei pressi dell'abitazione del malcapitato: via Piave. Ora si indaga per stabilire chi possa aver fatto ricorso a un gesto simile

La sera prima

Un altro fatto analogo anche la sera prima, in una via del centro abitato di Racale. Nel comune del basso Salento, intorno alle 21,30,  è stata data alle fiamme, sempre da qualuno, la Fiat 500 in uso a una donna del luogo, una 39enne residente in via Firenze. Anche in questo caso sono accorso i pompieri, del distaccamento di Ugento, per cercare di contenere i danni ed evitare che le fiamme potessero propagarsi ai veicoli della zona. Sull'episodio cercheranno di fare chiarezza i militari della  compagnia casaranese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto in centro, coinvolto il musicista Nando Popu

  • Carabiniere e “Le Iene” sott’accusa, chiesti 100mila euro di risarcimento

  • Spaccio di droga: in 14 a processo. Tra loro l’imprenditore dei vini Gilberto Maci

  • Nuova ondata di maltempo: allerta arancione in attesa delle violente raffiche di vento

  • Buco sul muro del negozio di abbigliamento nel centro commerciale: il furto fallisce

  • Violentò la figlia e nacque una bambina: il padre condannato a 30 anni

Torna su
LeccePrima è in caricamento