Le videocamere lo immortalano, l'attentatore aveva ancora gli stessi abiti

Denunciato un 46enne di Presicce per la bomba carta piazzata sulla porta della braceria da poco inaugurata in paese. I carabinieri l'hanno rintracciato sul luogo di lavoro. Sequestrati gli indumenti. E' stato denunciato a piede libero

PRESICCE – Quando i carabinieri hanno capito chi potesse essere l’attentatore, avendo riconosciuto le fattezze dell’uomo, hanno ottenuto un secondo, forse inatteso, riscontro, nel momento stesso in cui l’hanno rintracciato, sul luogo di lavoro: aveva ancora addosso gli abiti immortalati dalle videocamere.

Insomma, pochi dubbi sul fatto che autore del danneggiamento  alla braceria “Grill & bar” di piazza del Popolo, a Presicce, possa essere stato M.D., operaio del posto, 46enne. Lui, al momento, a quanto pare non ha detto nulla, anzi, avrebbe anche negato l’evidenza. Alla fine, è stato però solo denunciato a piede libero per danneggiamento ad attività commerciale e porto di sostanze esplodenti. Ormai, infatti, era trascorsa la flagranza di reato.

La segnalazione ai carabinieri della stazione locale è arrivata alle 8,30 di ieri mattina, presso la caserma. E’ stato un dipendente ad accorgersi del danneggiamento della porta di servizio della braceria, inaugurata da pochi giorni. E il titolare, ha sporto la denuncia che ha attivato immediatamente le indagini. Fortuna ha voluto che i militari abbiano trovato nella zona della deflagrazione alcune videocamere attive, fra cui quelle del Comune, che hanno permesso di scoprire l’ora esatta in cui era stato collocata sull’uscio una bomba carta (circa le 5 del mattino), provocando alcuni danni, per fortuna non ingenti (un migliaio di euro, non assicurati).

I carabinieri della stazione locale, che hanno operato con il Nucleo operativo radiomobile di Tricase, hanno così riconosciuto il soggetto, recandosi sul luogo dove lavora. Sono stati sequestrati felpa, jeans e scarpe usati dall’uomo durante l’episodio. Nel corso del sopralluogo sul posto, i militari dell’aliquota radiomobile hanno anche sequestrato frammenti di carta: quelli che avvolgevano l’esplosivo.

Resta al momento oscuro il movente. Si sospetta che il 46enne possa aver avuto dei complici. Magari un mandante. Ma saranno eventualmente le indagini a svelare ulteriori dettagli.

Potrebbe interessarti

  • Balneazione, un pericolo da non sottovalutare: le correnti di risacca

  • “Non lasciamo gli anziani soli in casa”: appello degli psicologi pugliesi

  • Il silenzio è una cura, fa bene a corpo e mente: ottimi motivi per tacere

  • Danneggiata l'edicola votiva della “Pietà” nel centro storico di Lecce

I più letti della settimana

  • Infarto per una bimba di 1 anno. Anche un bagnante rischia malore davanti alla scena

  • Violento impatto fra un'Audi e uno scooter: muore il centauro

  • Bambino pesca un osso in mare. E si scopre essere una tibia umana

  • Lei sul materassino spinto al largo, lui rischia di affogare per salvarla

  • Ricercato in Francia ma nel Salento per vacanza in Porsche: polizia lo aspetta all’uscita dall’acqua

  • Follie ferragostane: una trentina di soccorsi a ubriachi e rissa a bottigliate

Torna su
LeccePrima è in caricamento