Notte di roghi nel Salento: in fiamme tre veicoli

Gli episodi a Veglie, Castrignano del Capo e Porto Cesareo, tra la mezzanotte e le 3, hanno richiesto l’intervento dei vigili del fuoco e dei carabinieri. A Castiglione d’Otranto, galline uccise dal fumo causato dall’incendio di un quadro elettrico

Il mezzo bruciato in via Montale, a Porto Cesareo.

PORTO CESAREO - E’ stata una notte di intenso lavoro per i vigili del fuoco di Lecce che, in meno di tre ore, hanno dovuto domare tre incendi di veicoli: a mezzanotte a Veglie, in via del Mare, dove ha preso fuoco una Passat; alle 2.56 a Castrignano del Capo, in via Trieste, una Fiat 600; alle 2.37 a Porto Cesareo, in via Montale, un autofurgone Van. Sul posto, oltre ai caschi rossi, sono intervenuti i carabinieri delle stazioni locali. A loro il compito di stabilire le cause dei roghi, il terzo dei quali si sospetta abbia natura dolosa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sempre a mezzanotte, mentre le fiamme avvolgevano l’auto a Veglie, è stato necessario l’intervento in un'abitazione a Cavallino, in  via dei Mille, dove all’ingresso bruciava un vaso, a causa di una citronella dimenticata accesa nella vicinanze, e intorno alle 4, a Castiglione d’Otranto, dove, in seguito a un incendio di quadri elettrici, sono morte per inalazione di fumi alcune galline ricoverate in un locale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo alla Scu: droga ed estorsioni. Scatta il blitz, dieci arresti

  • Nulla da fare per l'80enne scomparso: trovato morto nelle campagne

  • Cede il ponte, travolto da un'auto: 18enne con grave ferita a una gamba

  • Rientrano dal Brasile nel Salento: madre, padre e figlia positivi al Covid

  • Svolta nel caso Mauro Romano: identificato un uomo, sospetto sequestratore

  • Esce in bici e poi telefona alla famiglia: "Mi sono perso". Ore di ansia per un 80enne

Torna su
LeccePrima è in caricamento