Nuovi controlli nei punti caldi della città: fioccano denunce e segnalazioni

Rintracciato e denunciato un 29enne dopo aver rubato un cellulare. Nei guai anche alcuni cittadini stranieri fermati nei pressi della stazione

Immagine di repertorio.

LECCE – Proseguono i controlli straordinari disposti dalla questura di Lecce nei quartieri ritenuti a rischio nell’ambito dell’operazione denominata “Alto impatto”, con l’impiego degli agenti di polizia e del Reparto prevenzione crimine. Nei pressi della stazione ferroviaria, una cittadina rumena di 44 anni, già nota alle forze dell’ordine, è stata denunciata per oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale. La donna, sorpresa a dormire sul piazzale della stazione, alla vista dei poliziotti si è scagliata contro di loro, aggredendoli verbalmente ed offendendoli;

In viale Oronzo Quarta, sono stati identificati e controllati due cittadini stranieri, entrambi privi di documenti: un 41enne marocchino, che è stato denunciato per inosservanza ad un foglio di via obbligatorio emesso dal questore di Lecce a ottobre con divieto di fare ritorno in città per 3 anni, e un senegalese di 20 anni, a cui gli agenti hanno notificato il diniego di accoglienza presso una struttura per migranti, emesso dal prefetto di Viterbo, dopo che lo straniero, per più volte, si è reso responsabile di atti intemperanza all’interno della struttura e nei confronti della cittadinanza.

Un 27enne originario del Bangladesh è stato denunciato per danneggiamento, per aver lanciato una pietra sul parabrezza di un’auto parcheggiata in viale Leopardi, al cui interno c’era una giovane coppia di fidanzati che poco prima si erano scambiati un semplice bacio. In via delle Anime, nel corso di un controllo all’interno di un immobile, sono stati denunciati per occupazione abusiva tre senegalesi. Il sospetto degli agenti è nato dall’apposizione di alcuni lucchetti sulle porte e dai segni di forzatura presenti sulla serratura dell’immobile che si presentava fatiscente, con cumuli di spazzatura. Gli agenti, oltre a denunciare gli occupanti abusivi, hanno anche avvertito la proprietaria che ha presentato querela.

Gli agenti hanno controllato due locali: uno in viale Leopardi ed uno in piazza Verdi; ora l’attività amministrativa è al vaglio dei poliziotti della divisione Amministrativa e sociale per l’eventuale irrogazione di sanzioni amministrative. In piazzetta Bottazzi la polizia ha controllato un cittadino bulgaro 56enne, che si aggirava con fare sospetto tra le autovetture parcheggiate. Nel corso della perquisizione, nascosti all’interno di un marsupio, i poliziotti hanno trovato un coltello proibito lungo 19 centimetri e lama di 8, una forbice di medie dimensioni, una penna la cui estremità era stata modificata per essere utilizzata come cacciavite. Lo straniero è stato denunciato per possesso di oggetti atti ad offendere.

Un 29enne leccese è stato denunciato per furto dopo che, con la scusa di effettuare urgentemente una telefonata, ha chiesto in prestito il cellulare ad una ragazza, dileguandosi subito dopo. Grazie alla collaborazione della vittima del furto, che ha subito chiamato il 113 e fornito una precisa descrizione dell’uomo, gli agenti hanno, nel giro di poco tempo, ritrovato l’uomo, in via San Lazzaro, a bordo di una bicicletta con il cellulare appena rubato.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rogo nel negozio per le feste: in manette ex gestore del "Twin Towers"

  • Violento impatto fra due veicoli, ragazza di 19 anni in Rianimazione

  • Mafia, estorsioni e droga: disarticolato gruppo vicino al clan Tornese

  • Cicloturista preso in pieno da un'auto: deceduto dopo il trasporto in ospedale

  • Bimba di 9 anni nel negozio. "Portata in una stanzetta e palpeggiata"

  • Cede il cric durante il cambio della ruota del tir: ferito un meccanico

Torna su
LeccePrima è in caricamento