Paura a Casalabate: bagnino e titolare di un lido salvano una famiglia

È accaduto nel primo pomeriggio: padre, madre e due figli, su una spiaggia libera accanto al “Mosquito”, si sono ritrovati in serie difficoltà a un centinaio di metri dalla costa

Foto di repertorio.

CASALABATE (Squinzano) – Paura, nel primo pomeriggio di oggi, a Casalabate. Un’intera famiglia, composta da madre, padre e due bambini, è stata infatti messa in salvo da un bagnino e dal titolare di un lido nella marina squinzanese. L’episodio intorno alle 15,45, sulla spiaggia libera a ridosso del “Lido Mosquito”.

I componenti della famiglia, in difficoltà a causa delle onde, si sono ritrovati a circa un centinaio di metri dalla spiaggia, in serio stato di difficoltà. A nulla sono valsi i primi tentativi, da parte del bagnino, di richiamarli, a riva alle prime avvisaglie del mare agitato. Era ormai troppo tardi. Il dipendente dello stabilimento si è pertanto lanciato in acqua, assieme al proprietario per riportare a riva la famiglia.

Fortunatamente, a parte il forte spavento, nessuno ha riportato gravi conseguenze. Solo la bambina ha ingerito un quantitativo di acqua preoccupante, ma poi l’allarme è rientrato senza alcuna conseguenza e nel sollievo generale anche dei bagnanti presenti, i quali hanno assistito all’episodio.

Potrebbe interessarti

  • Un traguardo dopo l'altro: Lele dei Negramaro pronto alla 9 chilometri

  • Uova: quante ne possiamo mangiare e come cucinarle

  • Morso del ragno violino: sintomi, rimedi e cure

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

I più letti della settimana

  • Automobile si ribalta fuori strada, muore giovane madre di 33 anni

  • Torna il maltempo, allerta arancione: forti temporali attesi a partire da ovest

  • Violento nubifragio sferza il Salento. Strade allagate, centri in tilt

  • Frontale al rientro dal mare, donna di 38 anni grave in Rianimazione

  • Perde il controllo dell’auto e si ribalta: un 27enne in Rianimazione

  • Incendio nel parco di Punta Pizzo. Giallo sul ritrovamento di un cadavere

Torna su
LeccePrima è in caricamento