Crolla abitazione in pieno centro, paura e veicoli ammaccati

Il cedimento a San Pietro in Lama. L'immobile, abbandonato, aveva già subito alcuni danni negli anni passati. Nessun ferito, ma situazione molto pericolosa

SAN PIETRO IN LAMA – Una cabina dell’Adsl è rimasta stoicamente in piedi. Dietro, l’immagine di una minacciosa spaccatura sembra rubata al terremoto dell’Italia centrale. E invece, è San Pietro in Lama, pochi passi da Lecce, e la terra non ha mai tremato.

Erano le 10,30 quando si è udito il crollo. Nel pieno centro del paese, per la seconda volta in pochi anni, una vecchia abitazione ha subito un cedimento. Nessun ferito, per fortuna. La vecchia abitazione, ovviamente, era disabitata e comunque non stavano passando pedoni quando sono rovinati calcinacci e grosse pietre. Un paio di veicoli, però, sono rimasti ammaccati e si presume che debbano essere i proprietari dell’immobile a pagare i danni, qualora fossero richiesti.  

Si può parlare però di tragedia sfiorata, vista l’entità del danno e il luogo. L’incidente, infatti, s’è verificato in via Regina Margherita, un centinaio di metri dopo piazza del Popolo. Si tratta dell’arteria principale del piccolo comune limitrofo al capoluogo, che solca il centro storico. Un punto di passaggio quasi obbligato, per chi attraversa in auto San Pietro. Una strada, ora, momentaneamente chiusa al traffico.

Sull’edificio, dopo un primo, parziale danneggiamento avvenuto negli anni scorsi, si erano svolti anche alcuni lavori di consolidamento. Ma è evidente come siano serviti a poco. Le particolari condizioni climatiche di quest’inverno, che ha portato le temperature sotto lo zero, con inusuali nevicate, ghiaccio e, in seguito, anche grandine e piogge, hanno probabilmente intaccato una struttura già traballante, fino a questo nuovo cedimento. Quello definitivo. 

Sul posto si sono recati i vigili del fuoco da Lecce, con l’ingegnere per una perizia e la valutazione dei danni, e personale dell’ufficio tecnico comunale, oltre ai carabinieri della stazione locale. A quanto pare, si dovrà necessariamente procedere con la demolizione del fatiscente edificio. Proprio l’accanimento del maltempo, unito all’incuria, sono stati con ogni probabilità all’origine di un evento molto simile, avvenuto nel centro di Taurisano la sera del 24 gennaio scorso. Anche in quel caso, una tragedia sfiorata, visto che un’automobile in transito è stata sfiorata dal muro franato verso l’esterno.

Una curiosità finale: a San Pietro in Lama si era già verificato abbastanza di recente il cedimento strutturale di un immobile. E, coincidenza, sempre di febbraio. Il 25 di quel mese, nel 2015, sprofondò il solaio di un vecchio stabile di via XX Settembre.     

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sete post-pizza? Ecco il perché e come ovviare al problema

  • Paura in pieno giorno: tre esplosioni in pochi secondi. Sventrata una casa, fermato proprietario

  • Sfida a 200 all'ora: banda di ladri inseguita per oltre 70 chilometri

  • Doppio blitz, armi nascoste e stupefacenti a chili: scattano le manette

  • “Salvato il soldato Paolo”, carabinieri salentini in prima linea nel trasferimento del generale

  • Scoppia una rissa, un 25enne ferito al setto nasale per aver chiamato la polizia

Torna su
LeccePrima è in caricamento