Sbarco sulla scogliera di Roca: 39 i migranti rintracciati nell'entroterra

Probabilmente giunti nella notte a bordo di un gommone, che ha poi ripreso il largo, sono stati rintracciati qualche ora dopo nelle campagne di Melendugno dai carabinieri della compagnia di Lecce e trasferiti nel centro Don Tonino Bello di Otranto

Roca.

MELENDUGNO - Sono stati indentificati in 39 ma potrebbero essere arrivati in almeno 50 . L'ennesimo sbarco è avvenuto questa notte sulla costa di Roca, ma i migranti, che si sono dichiarati di nazionalità siriana, sono stati rintracciati nelle prime ore della mattinata dai carabinieri della compagnia di Lecce nelle campagne di Melendugno. 

Nel gruppo delle persone identificate ci sono alcuni minori, ma non donne. Sono stati tutti accompagnati presso il centro Don Tonino Bello di Otranto per le procedure di identificazione. Secondo le prime ricostruzioni sarebbero giunti a bordo di un gommone che, dopo aver lasciato i passeggeri sul litorale della marina di Melendugno ha ripreso velocemente il largo. 

Una volta sbarcati, i migranti si sono diretti verso l'entroterra ma sono stati notati da alcuni residenti che hanno allertato le forze dell'ordine. La guardia costiera di Otranto, messa al corrente della situazione, ha effettuato una ricognizione in mare ma del natante nessuna traccia mentre continuano le ricerche sulla terra ferma per l'individuazione degli altri migranti che, si suppone, possono essere arrivati insieme ai 39 già ritrovati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzini abusati in un casolare, 69enne in carcere per pedofilia

  • Giro di armi da fuoco e monopolio imposto sul servizio navette: sei arresti

  • Cocaina e sostanza da taglio disseminate in casa, insospettabile nei guai

  • Villa confiscata fin dal 2015, ma lui era sempre lì: sgombero forzato

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: imputati il padre e lo zio

  • Costrette a prostituirsi anche con il maltempo, in manette lo sfruttatore

Torna su
LeccePrima è in caricamento