Ricavi non dichiarati per 2 milioni. Sigilli ad appartamento a Lecce

La compagnia di Manduria della guardia di finanza ha effettuato un sequestro preventivo ai danni di due imprenditori. Nella loro disponibilità anche un immobile nel centro del capoluogo salentino

I militari della compagnia di Manduria.

LECCE – C’è anche un appartamento nel centro di Lecce tra i beni sequestrati a due imprenditori di Manduria dalla guardia di finanza nell’ambito di un’operazione partita da una verifica fiscale che aveva portato alla scoperta di ricavi non dichiarati per 2 milioni e 46mila euro e a 440 mila euro di Iva evasa.

In quella occasione i due, legali rappresentanti di una società attiva nel settore dei call center e nella locazione di immobili a uso turistico, furono segnalati all’autorità giudiziaria: non avevano infatti presentato alcuna dichiarazione nel periodo che va dal 2013 al 2015.

Nelle scorse ore i militari della compagnia di Manduria hanno effettuato un sequestro preventivo per equivalente di beni mobili e immobili e di disponibilità finanziarie per un ammontare di 666mila euro. Per l’esecuzione del provvedimento cautelare, disposto dal gip del Tribunale di Taranto Giuseppe Tomassino, i finanzieri si sono recati presso la sede della società, accertando che attraverso il call center veniva assicurato ai clienti l’invio di personale tecnico specializzato in riparazione di elettrodomestici non più coperti da garanzia.

Parte del ricavato delle prestazioni, effettuate senza documentazione fiscale, veniva contabilizzato “parallelamente”. Tali somme erano divise a metà con i tecnici. Il sequestro ha interessato due B&b – una villa di pregio a Campomarino di Maruggio, un appartamento nel centro storico di Manduria - il locale adibito a call center, quattro appartamenti tra cui quello di Lecce e sei appezzamenti di terreno in agro di Maruggio. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

  • I pacchi? In casa della postina infedele. E il figlio scovato con la droga

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

Torna su
LeccePrima è in caricamento