Guaine e carcasse di autocarri tra i rifiuti. Una discarica abusiva sotto sequestro

I carabinieri di Nociglia, assieme al personale del Corpo forestale dello Stato di Tricase, hanno apposto i sigilli a un’area appartenente a un’azienda nelle campagne di Surano. Il titolare della ditta e il gestore dell’impresa di smaltimento rifiuti sono stati denunciati

La discarica posta sotto sequestro dai militari

SURANO – Il controllo, in un primo momento, è risultato regolare. Dal punto di vista del carico, della giacenza del materiale ferroso depositato in un’azienda di Surano, i carabinieri di Nociglia non hanno rilevato alcuna anomalia. Ma il sopralluogo ha avuto una svolta quando, sul lato posteriore dello stabile, i militari dell’Arma, assieme al personale del Corpo forestale dello Stato di Tricase, hanno scoperto un fondo agricolo adibito a discarica abusiva.

All’interno, materiali e rifiuti provenienti dall’attività di demolizione tra cui guaine in gomma, materiale ferroso dismesso e persino carcasse di autocarri. L’area, adibita abusivamente allo stoccaggio di rifiuti speciali non pericolosi, è stata sottoposta a sequestro penale mentre i responsabili sono stati deferiti in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Lecce.

Si tratta do  O.C., pensionata 64enne di Specchia, proprietaria del fondo agricolo, e R.R., 59enne titolare della ditta di raccolta dei rottami ferrosi. Entrambi dovranno rispondere, in concorso, del reato di attività di gestione di rifiuti non autorizzata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sete post-pizza? Ecco il perché e come ovviare al problema

  • Paura in pieno giorno: tre esplosioni in pochi secondi. Sventrata una casa, fermato proprietario

  • Sfida a 200 all'ora: banda di ladri inseguita per oltre 70 chilometri

  • Doppio blitz, armi nascoste e stupefacenti a chili: scattano le manette

  • “Salvato il soldato Paolo”, carabinieri salentini in prima linea nel trasferimento del generale

  • Morì dopo lo scontro con un camion: due condanne

Torna su
LeccePrima è in caricamento