Percolato di sansa abbandonato sul terreno: sequestrato frantoio

Il Noe ha anche segnalato, alla Procura della Repubblica, il legale rappresentante della società agricola di Supersano

Il sistema illegale di scarico delle acque reflue

SUPERSANO – Un’azienda agricola di Supersano finisce sotto sequestro. I carabinieri del Nucleo operativo ed ecologico di Lecce, hanno fatto scattare i sigilli preventivi d’urgenza su un’area di circa 200 metri quadrati, all’interno della quale vi è anche un frantoio oleario.

Sulla superficie era stato realizzato un impianto completo di delle relative attrezzature elettriche ed idrauliche con cui veniva effettuato il lavaggio dei macchinari, di veicoli aziendali e agricoli. Un refluo che, mescolato con del liquido proveniente dalla percolazione della sansa umida stoccata in un deposito nel sito, finiva verso un foro praticamente sul muro di recinzione e poi scaricato su un terreno: il tutto, senza alcun sistema di depurazione.Nuova immagine (1)-2

All termine del controllo, i militari guidati dal colonnello Nicola Candido, hanno segnalato il legale rappresentante dell’azienda alla Procura della Repubblica di lecce, per aver per aver effettuato uno scarico di acque reflue industriali senza autorizzazione. Del sequestro sono state anche informate le autorità amministrative, per l’adozione dei successivi provvedimenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto in centro, coinvolto il musicista Nando Popu

  • Carabiniere e “Le Iene” sott’accusa, chiesti 100mila euro di risarcimento

  • Spaccio di droga: in 14 a processo. Tra loro l’imprenditore dei vini Gilberto Maci

  • Buco sul muro del negozio di abbigliamento nel centro commerciale: il furto fallisce

  • Nuova ondata di maltempo: allerta arancione in attesa delle violente raffiche di vento

  • Ladri violano una casa e trovano 10mila euro in una borsa e gioielli

Torna su
LeccePrima è in caricamento