Sorpreso durante la pesca illegale di ricci in un'area protetta, denunciato

Gli uomini della guardia costiera di Gallipoli hanno sottoposto a sequestro l'attrezzatura e il natante utilizzato

LECCE – Continuano senza sosta i controlli contro la pesca illegale da parte dei militari appartenenti al Nucleo operativo difesa mare della guardia costiera di Gallipoli. Questa mattina, nel corso delle operazioni di pattugliamento, è stato scoperto e denunciato nella un pescatore sportivo, sorpreso nella pesca di ricci all’interno della zona “C” dell’Area dove è vietata la pesca con le bombole.

Le operazioni, condotte sin dalle prime luci dell’alba con una motovedetta, supportata da pattuglie a terra, hanno consentito di sorprendere il pescatore durante la pesca illegale realizzata, tra l’altro, con l’ausilio di un natante da diporto.

Pertanto, i militari hanno proceduto a denunciare all’autorità giudiziaria il trasgressore e a porre sotto sequestro l’attrezzatura utilizzata ed il natante. Il prodotto ittico raccolto, dopo essere stato ispezionato dal competente servizio sanitario e dichiarato in stato vivo e vitale, è stato rigettato in mare.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • E non lasciate che le persone si prendono il pane per mangiare rischiano la vita i sub

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Sei quintali di marijuana al largo di San Cataldo: arrestati due narcotrafficanti

  • Cronaca

    Ladri scatenati in città: visitano una casa e poi “ripuliscono” il sexy shop

  • Politica

    I componenti delle undici commissioni. I dubbi di Ria agitano la discussione

  • Cronaca

    Controlli serrati nel fine settimana, scattano due arresti per spaccio di droga

I più letti della settimana

  • Notte di sangue sulle strade del Salento, due morti e un ferito grave

  • Madonna stregata dal Salento. La cantante passeggia nel cuore di Lecce

  • Gli rubano il marsupio in spiaggia: ma dentro vi è speciale strumento per diabetici

  • Denuncia shock di una turista: “Mi hanno stuprata in 8”. Ma il referto smentisce