Nuovo tentativo di suicidio nel carcere di Lecce. Il Cosp: situazione al collasso

Ancora una volta è stato il pronto intervento della polizia penitenziaria a salvare la vita di un detenuto che ha cercato di impiccarsi nella propria cella. Il Coordinamento sindacale penitenziario denuncia il sovraffolamento dell'istituo di pena e le carenze di organico

LECCE – Nuovo tentativo di suicidio nel carcere di Lecce. A denunciare questo ennesimo episodio è il Coordinamento sindacale penitenziario che rileva come, ancora una volta, il tentativo di suicidio sia stato sventato dalla polizia penitenziaria. Protagonista di questo nuovo dramma carcerario un leccese che, durante la notte, poco dopo l’una ha tentato il suicidio tramite impiccamento utilizzando un lenzuolo legato alla grata della finestra della stanzetta. I rumori hanno svegliato il compagno di cella che, accortosi che l’aspirante suicida era già cianotico, ha immediatamente dato l’allarme, richiamando il pronto intervento della polizia penitenziaria. Sono stati attimi interminabili ma fondamentali per salvare la vita al detenuto leccese, immediatamente soccorso e affidato alle cure dei medici del penitenziario. Si tratta del terzo tentativo da parte dello stesso detenuto, che in due occasioni ha ingerito detersivo e detergenti da water.

Il carcere di Lecce vive quotidianamente il problema del sovraffollamento, con 1.120 reclusi (di cui oltre 400 ad alta sicurezza) a fronte di 650 posti letto. La polizia penitenziaria può contare su circa una trentina di agenti per tutta la struttura penitenziaria, lavorando sotto organico e occupando a volte due e tre posti contemporaneamente di servizio con non poche difficoltà. Un personale comunque sempre vigile, attento, operativo e altamente qualitativo, cui va il plauso del Cosp per le tante vite che quotidianamente vengono salvate nel silenzio più assordate della politica europea delle carceri.

Il vice segretario regionale Cosp  Alessano  Pasquale, in servizio nella sede di Lecce, si dice preoccupato per la carenza di polizia e  di risorse economiche al settore, una preoccupazione condivisa dalla segreteria nazionale che si farà portavoce nelle giuste sedi Le carceri italiane sono le più sovraffollate d’Europa, dopo la Serbia: a denunciarlo, ancora una volta, è il Consiglio d’Europa, l’organismo di Strasburgo che sovrintende alla difesa dei diritti umani. 

Potrebbe interessarti

  • Balneazione, un pericolo da non sottovalutare: le correnti di risacca

  • Pannelli fotovoltaici: come funzionano e i vantaggi

  • Danneggiata l'edicola votiva della “Pietà” nel centro storico di Lecce

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

I più letti della settimana

  • Spaccio di cocaina nella "movida": 13 arresti e quattro locali rischiano la chiusura

  • Violento impatto fra un'Audi e uno scooter: muore il centauro

  • Un tuffo dall’alta scogliera: lesioni cervicali per un 16enne

  • Ricercato in Francia ma nel Salento per vacanza in Porsche: polizia lo aspetta all’uscita dall’acqua

  • Scontro frontale tra due auto: 4 feriti. Coinvolta anche un’autocisterna

  • Si allontana, attraversa la litoranea e raggiunge la scogliera: paura per un bimbo di 3 anni

Torna su
LeccePrima è in caricamento