Violenza sessuale e rapina in casa: l'aggressore della 42enne resta in cella

Udienza di convalida davanti al gip Alessandra Ferrero. Due giovani di Cutrofiano sono stati arrestati martedì sera dagli agenti della sezione volanti, intervenuti in via Lequile dopo una segnalazione. Uno degli indagati è stato sorpreso nell'abuso sessuale, coltello alla mano

LECCE - Si è svolta questa mattina nel carcere di Borgo San Nicola, davanti al giudice per le indagini preliminari, Alessandra Ferraro, l'udienza di convalida nei confronti di Alessandro Paglialonga, 21enne, e di Gianluca Cuna, 20enne. Entrambi di Cutrofiano, sono stati arrestati martedì sera dagli agenti della sezione volanti della questura di Lecce con l'accusa, in concorso, di rapina, danneggiamento e violazione di domicilio mentre al maggiore dei due è stata contestata anche la violenza sessuale, porto ingiustificato di coltello e lesioni personali. Vittima dell'abuso una 42enne di nazionalità cinese, raggiunta in un'abitazione di via Lequile.

Y - PAGLIALONGA-2Per il 21enne, difeso d'ufficio da Francesco De Giorgi, il gip ha confermato la misura cautelare in carcere mentre per l'altro indagato sono stati disposti i domiciliari: Cuna, assistito da Giuseppe Serratì e da Giuseppe Positano, ha dichiarato al giudice di aver avuto un ruolo del tutto marginale nella vicenda, essendosi limitato a raggiungere Lecce in compagnia del conoscente dopo aver trovato il numero e il recapito della donna su un sito di incontri.

Y - CUNA-2Una volta nel capoluogo, presso il domicilio indicato, i due avrebbero contattato, ma invano, la donna attraverso il cellulare. A quel punto, Paglialonga avrebbe deciso di scavalcare mentre il 20enne si sarebbe allontanato a piedi fino ad essere raggiunto telefonicamente dalla polizia quando, ha detto, si trovava già abbastanza lontano, del tutto ingnaro di quanto stesse avvenendo in via Lequile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sommozzatore in un pozzo: all’interno i resti del piccolo Mauro?

  • Forestali, denunce a raffica. E sequestrate 98mila piantine di melograno

  • Mezzo chilo di droga, pistole e munizioni: in manette zio e nipote

  • La barca s'incaglia, i tre pescatori tornano a riva sfidando il mare gelido

  • Dove c'era il lido, ecco spuntoni e detriti: scattano di nuovo i sigilli

  • "Mi sta picchiando". Viene fermato due volte poco prima dell'alba e arrestato

Torna su
LeccePrima è in caricamento