Un lungo viaggio in bici alla scoperta del tragitto dell'Acquedotto Pugliese

Un viaggio in bicicletta alla scoperta dei luoghi e delle opere del più grande acquedotto d’Europa. Un lungo itinerario cicloturistico lungo il tragitto dell’Acquedotto Pugliese: dalle sorgenti di Caposele (Aellino) alla fontana monumentale di Santa Maria di Leuca. Un percorso di 480 chilometri da compiere in sei giorni

LECCE – Un viaggio in bicicletta alla scoperta dei luoghi e delle opere del più grande acquedotto d’Europa. Un lungo itinerario cicloturistico lungo il tragitto dell’Acquedotto Pugliese: dalle sorgenti di Caposele (Aellino) alla fontana monumentale di Santa Maria di Leuca. Un percorso di 480 chilometri da compiere in sei giorni seguendo il fiume nascosto di Puglia e attraversando alcuni dei luoghi più suggestivi dell’Italia interna: Valle dell’Ofanto, Alta Irpina, Vulture, Alta Murgia, Valle d’Itria, Arneo ed entroterra salentino.

L’iniziativa ha lo scopo di verificare per la prima volta un ideale itinerario narrativo dell’Acquedotto Pugliese seguendo il tracciato della sua infrastruttura storica, il canale principale fino a Villa Castelli (Bindisi), proseguendo poi lungo il canale di irrigazione del Consorzio di bonifica dell’Arneo e il Sifone Leccese, l’arteria che si dirama fino alla punta estrema della penisola salentina.

La sfida è di far diventare questo itinerario un percorso cicloturistico di richiamo europeo in grado di stimolare l’economia della Puglia e del Mezzogiorno, così come sollecitato dalla petizione on line che ha già raccolto oltre diecimila firme.

I cicloviaggiatori documenteranno i luoghi attraversati e le opere infrastrutturali realizzate per superare le asperità del territorio e consentire alla condotta di viaggiare “a pelo libero” ossia in leggera pendenza per sfruttare il più possibile la forza di gravità. Ponti canale, serbatoi pensili, centrali idroelettriche e impianti di sollevamento fino ai piccoli edifici di ispezione della condotta realizzati oltre 100 anni fa e che rappresentano uno straordinario patrimonio di archeologia industriale italiano ancora da valorizzare.tracciato percorso-2

Organizzata dall’associazione Freeplan di Nardò, l’iniziativa si inserisce tra le attività di sensibilizzazione portate avanti dal Coordinamento dal basso per la ciclovia dell’Acquedotto Pugliese, un comitato formato da oltre 40 soggetti tra associazioni e imprese e che chiede al governo regionale della Puglia il completamento del progetto di ciclovia lungo l’acquedotto.

L’intero tragitto verrà percorso da quattro “cicloesploratori” (Cosimo Chiffi, Simone Bosetti, Marco Taurino e Roberto Guido) mentre altri cicloturisti si potranno unire al gruppo in una delle sei tappe programmate. 

Questo il calendario:

26 agosto: Visita delle Sorgenti della Sanità di Caposele.

27 agosto: Caposele – Atella, 80 chilometri circa.

28 agosto: Atella -  Castel del Monte, chilometri 95

29 agosto > Castel del Monte – Alberobello, chilometri 110

30 agosto > Alberobello – Nardò, chilometri 110

31 agosto > pausa

1 settembre > Nardò – Leuca, chilometri 90.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, estorsioni e droga: disarticolato gruppo vicino al clan Tornese

  • Rogo nel negozio per le feste: in manette ex gestore del "Twin Towers"

  • Cicloturista preso in pieno da un'auto: deceduto dopo il trasporto in ospedale

  • Cede il cric durante il cambio della ruota del tir: ferito un meccanico

  • Paura in volo: piccolo aereo sfonda il muretto di un'abitazione

  • Fermati in centro per controllo: dosi di eroina nell'auto, due in manette

Torna su
LeccePrima è in caricamento