Verifica sul cantiere: due denunce e violazioni per oltre 30mila euro

Intervento dei carabinieri della task force anti caporalato ad Alessano. Sospesa inoltre l'attività per l'impiego di personale non regolare

ALESSANO – Due uomini sono stati denunciati ad Alessano dai carabinieri della task force anti caporalato per il contrasto dell’intermediazione illecita e dello sfruttamento del lavoro.

Si tratta di A.T., 47enne nato a Tricase, amministratore unico di una impresa edile e di N.A.M., 54enne di Matino, titolare della ditta che avevo ottenuto l’affidamento dei lavori in subappalto. A entrambi è contestato il mancato avviamento a visita medica dei lavoratori dipendenti. Il primo deve rispondere per l’omessa trasmissione del piano sicurezza e coordinamento all’impresa subappaltatrice e per la mancata verifica dell’idoneità della stessa, mentre il secondo per non aver redatto il piano di sicurezza operativo.

L’attività imprenditoriale è stata sospesa per l’impiego non regolare di personale in misura pari al 50 percento dei lavoratori presenti al momento del controllo effettuato dai militari della stazione di Alessano, dai carabinieri del Nil e del reparto operativo del nucleo investigativo di Lecce. Sono state contestate violazioni amministrative per 8mila 160 euro e penali per 24mila 916.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pioggia e violente raffiche di vento mettono mezzo Salento in ginocchio

  • Tentato omicidio in una masseria: colpito alla bocca un operaio 27enne

  • Burrasca agita lo Ionio e devasta barche, pontili, maneggio e persino un ristorante

  • "Scuole aperte nonostante l'allerta meteo": Cgil denuncia rischi per alunni e lavoratori

  • Travolge grosso cane che attraversa la via e finisce su un muro: grave 21enne

  • Precipita dalle mura del centro di Gallipoli: un 30enne in gravi condizioni

Torna su
LeccePrima è in caricamento