Ato Lecce/2, Astore: "Riaprire l''impianto di Nardò"

Emergenza rifiuti, le acque sono ancora agitate. I rifiuti dell'Ato Lecce/2 continuano a non trovare collocazione. Lo stop imposto dalla Provincia di Taranto richiede una soluzione

Emergenza rifiuti, le acque sono ancora agitate. I rifiuti dell'Ato Lecce/2 continuano a non trovare collocazione. Lo stop imposto dalla Provincia di Taranto richiede una soluzione, mentre i camion sostano a Poggiardo.

"Siamo in piena emergenza, se si pensa che è stata chiamata in causa la Protezione civile, che interviene solo in casi straordinari", dice il sindaco di Poggiardo, Silvio Astore. Che poi ribadisce: "E' necessario rivedere il piano regionale voluto dal presidente regionale Nichi Vendola. D''altro canto, non si vede perché Grottaglie e Fragagnano debbano mettere a disposizione i propri impianti, se sono ancora disponibili delle volumetrie nella discarica di Nardò, come accertato dal gestore stesso di Castellino. Non me ne vogliano i cittadini di Nardò, si tratterebbe oltretutto di rifiuti trattati, quindi non si verrebbero a creare disagi per la popolazione. Spero che questo rifiuto non sia frutto di un calcolo politico".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo alla Scu: droga ed estorsioni. Scatta il blitz, dieci arresti

  • Accoltella la madre e poi si lancia nel vuoto: tragedia in una famiglia salentina

  • Nulla da fare per l'80enne scomparso: trovato morto nelle campagne

  • Rintracciata a Ostia: il 30 giugno, dopo cena, era uscita senza fare rientro

  • Cede il ponte, travolto da un'auto: 18enne con grave ferita a una gamba

  • Con l'auto fino in mare per depositare la moto d'acqua: sconcerto a San Cataldo

Torna su
LeccePrima è in caricamento