Gioventù leccese in campo per Paolo Perrone. Con cinque proposte

La realtà che mette assieme associazioni e movimenti giovanili presenta i cinque punti elaborati che andranno ad incrementare il programma elettorale ed amministrativo del sindaco: “Il contributo dei giovani è fondamentale”

LECCE – Sono stati presentati questa mattina i cinque punti programmatici elaborati dall'associazione "Gioventù leccese per Paolo Perrone", nata dall'unione delle associazioni "Giovane Italia", "Carpe Diem", "Movimento studentesco nazionale" e “Movimento giovanile Regione Salento". Ad introdurre l’appuntamento il coordinatore Giorgio Pala e Giacomo Palese, della "Giovane Italia".

"La partecipazione giovanile intorno a Paolo Perrone è il risultato della vicinanza, dall'interessamento al mondo giovanile e della sua sensibilità", hanno detto i giovani presenti, introducendo i cinque punti elaborati per il programma elettorale della coalizione di centrodestra a sostegno del sindaco uscente. I cinque punti, ideati e pensati da questi movimenti giovanili e che sono parte integrante del programma elettorale sono: scuola e università, ambiente e raccolta differenziata, sport, internet e digitalizzazione, carta convenzioni per gli under 30.

Scuola e università (punto presentato da Andrea Tundo): viene chiesto che in continuità con quanto fatto dall'amministrazione comunale in questi cinque anni, si lavorari sul rapporto di alternanza scuola/università-lavoro. L'attività di coinvolgimento delle aziende è già avviato. Necessario ora - e questo è un punto di fondamentale importanza nel programma di coalizione - istituzionalizzare questo connubio, attraverso rapporti consolidati tra scuole, università e imprese del territorio. Lo stage, oggi pressoché inesistente nei curricula dei giovani studenti, dovrà diventare il punto di forza delle carriere formative. L'amministrazione comunale potrà fungere da interfaccia tra il mondo dell'informazione e quello delle aziende, orientando i ragazzi verso i segmenti formativi favoriti dal mercato.

Raccolta differenziata e tutela ambientale (presentato da Giulio Serafino): la salvaguardia del paesaggio e la pulizia della città. Sono stati 73mila i metri quadrati di aree a verde collezionati in questi anni. Obiettivi per il futuro, un centro storico brillante, marine riqualificate, zone a rischio ambientale bonificate e continuo monitoraggio della qualità della vita del cittadino. Vetro carta plastica e alluminio non possono essere riversati negli stessi contenitori. Rifiuti travolta inquinanti devono essere correttamente raccolti e riciclati, producendo enormi risparmi. Tanto è stato fatto nel corso di questi cinque anni, ma tanto ancora può essere fatto. Ad esempio, incrementare i contenitori, aumentare i punti verdi per la raccolta per strada. Lecce, anche dal punto di vista ambientale, può e deve andare avanti.  Fondamentale, per la buona riuscita del sistema di raccolta differenziata, sarà la collaborazione attiva dei cittadini.

Sport (presentato da Riccardo Caricato): un forte segnale è stato già dato durante la partita organizzata da Gioventù leccese per Paolo Perrone a scopo benefico, qualche giorno fa. Fra le intenzioni dei movimenti giovanili c'è quella di continuare a lavorare in questa direzione, promuovendo grandi eventi sportivi a scopo benefico e come attrattiva per il territorio. Sport e giovani rappresentano un connubio fondamentale per la società e su cui si rende necessario lavorare per accrescere i risultati già positivi ottenuti in questi ultimi anni. Lo sport migliora la persona, soprattutto in quelle zone di periferia dove preponderante diventa il suo contributo nella quotidianità dei giovani. Ecco perché si lavorerà per la diffusione delle diverse attività su tutto il territorio.

Digitalizzazione e internet (presentato da Manuel D'Elia): il processo di sviluppo della digitalizzazione in città potrebbe cominciare con la creazione di uno spazio digitale, sul portale del Comune, aperto all'interazione con i cittadini e gestito dai giovani leccesi. I numerosi commenti, suggerimenti, richieste, consigli, saranno sottoposti all'attenzione degli amministratori comunali, che così potranno avere indicazioni utili sulle esigenze della città. Anche il Comune di Lecce sarà ampiamente digitalizzato, così come i tempi richiedono. Già 19 piazze sono coperte dalla rete wireless e questo sistema è determinante nell'avvicinare il cittadino alla cosa pubblica.

Carta per i giovani under 30 (presentato da Giorgio Pala): una carta per i giovani under 30, ricca di convenzioni che possono incentivare i ragazzi a fare sport, andare al cinema e a svolgere numerose altre attività. Già sperimentata attraverso un fortunato progetto finanziato dal Ministero per la Gioventù e dall'Anci, si è deciso di perseguire questa strada, allargando il campo delle convenzioni e offrendo opportunità aggiuntive.

Paolo Perrone ha ringraziato le associazioni che hanno dato vita alla Gioventù leccese: “Il percorso è iniziato tempo addietro con una concreta collaborazione da parte di queste associazioni - ha detto Perrone - che hanno fattivamente contribuito alla stesura del nostro programma elettorale. Se c'è qualcosa su cui non si può sollevare alcuna critica alla mia amministrazione, è certamente rappresentato dalle attività poste in esse per le politiche giovanili”.

“L'Anci – spiega - ci ha definito la prima città di Italia per politiche studentesche e, anche i nostri avversari, sono soliti utilizzare quei luoghi simbolo di quelle attività, come le Officine Cantelmo, riconoscendo l'importanza di questo contenitore per la città. Questo dimostra che i giovani non sono lontani dalla politica, ma partecipano attivamente nel momento in cui viene data loro la possibilità di dare delle indicazioni che si trasformano in programmi, e quindi in attività amministrativa. Slogan vuoti come se ne sentono tanti, dedicati al fermento giovanile ma privi di contenuti, non fanno che allontanare questi ragazzi dalla politica”.

“La storia – ha concluso - ci insegna che il contributo giovanile è di fondamentale importanza in una campagna elettorale, tanto da determinarne anche il risultato. Ecco perché sono fiero e orgoglioso di averli accanto e di aver lavorato con loro gomito a gomito per scrivere le idee per i prossimi cinque anni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sommozzatore in un pozzo: all’interno i resti del piccolo Mauro?

  • Mezzo chilo di droga, pistole e munizioni: in manette zio e nipote

  • La barca s'incaglia, i tre pescatori tornano a riva sfidando il mare gelido

  • Assunzioni in Sanitaservice: pubblicato il bando per 159 posti

  • Forestali, denunce a raffica. E sequestrate 98mila piantine di melograno

  • "Mi sta picchiando". Viene fermato due volte poco prima dell'alba e arrestato

Torna su
LeccePrima è in caricamento