“Svilita la funzione dell’Università”. Cgil attacca l’amministrazione di Laforgia

Gli ultimi accadimenti relativi all'ateneo suscitano la preoccupazione dei sindacalisti: "Deriva antidemocratica ed autoritaria". Lo scontro distoglierebbe dai problemi reali. Comunicato congiunto delle Rsa

La sede del rettorato.

 

LECCE - I sindacalisti di Cgil ed Flc Cgil di Lecce esprimono seria preoccupazione per ciò che sta accadendo nell’Università del Salento denunciando storture nel sistema che si starebbero verificando da molto tempo: “Atteggiamenti antidemocratici nei confronti dei lavoratori, trasferimenti coatti, offese gratuite, comportamenti antisindacali, polemiche continue, con l’utilizzo di toni esacerbati sui mass media non fanno altro che restituire un’immagine negativa all’opinione pubblica”.

Silvana Aramini e Salvatore Arnesano puntano il dito contro il trasferimento di un dirigente sindacale di Flc Cgil, responsabile dell’ufficio reclutamento, che sarebbe avvenuto “senza la prescritta autorizzazione dell’organizzazione sindacale di appartenenza e per giunta in prossimità dello svolgimento di delicate procedure concorsuali”, stigmatizzando l’atto come “l’ultimo di una lunga serie di episodi che hanno visto negli anni recenti una vera e propria persecuzione dei dirigenti sindacali presso l’ateneo”.

“La logica autoritaria e autoreferenziale che caratterizza i vertici dell’Università fa sì che tutti coloro che dissentono sulla gestione politico-amministrativa non trovino cittadinanza e siano costretti all'emarginazione umana e professionale – denunciano in una nota gli esponenti di Cgil - Rimane fortemente critica la nostra valutazione politica di quest’ amministrazione che, in una fase di profonda trasformazione del sistema universitario imposta dalla legge Gelmini, ha incarnato in modo esasperato la deriva antisindacale attraverso l'uso distorto dell'autonomia universitaria”.

“L’Università del Salento è una struttura di fondamentale importanza per il territorio, in quanto volano di sviluppo sociale, culturale ed economico. – aggiungono - La sua funzione non può essere svilita in questa maniera, trasformandola in un’arena in cui i toni violenti, le frasi dette e non dette, gli attacchi continui contro tutti distolgono l’attenzione dai problemi reali: l’utilizzo corretto e trasparente delle risorse economiche per migliorarne la qualità e la quantità dei servizi offerti; il giusto riconoscimento ai lavoratori ridando loro dignità, a prescindere dal colore politico e dalla organizzazione sindacale di appartenenza; trasparenza nel reclutamento concorsuale del personale e nella stabilizzazione dei precari, tenendo conto del piano di fabbisogno triennale più volte richiesto dalla Flc Cgil Lecce e puntualmente non affrontato dall’amministrazione”.

I sindacalisti chiedono con forza di ripristinare corrette relazioni con le organizzazioni sindacali e di riportare il dibattito democratico all’interno dei luoghi di governo dell’Università e si dicono pronti a difendere con ogni mezzo “i diritti violati dei lavoratori”.

Le Rsa appoggiano l'interpellanza: “Il ministro ripristini legalità e trasparenza in ateneo”.

Le organizzazioni sindacali prendono atto favorevolmente – con un comunicato congiunto a firma Flc Cgil, Cisl, Snals e Uil Rua - dell’interpellanza presentata in Parlamento da 54 deputati in merito alla situazione creatasi nell’Università del Salento e relativa alla gestione di alcune procedure amministrative.

L’interpellanza dimostra come fosse fondata la denuncia fatta dalle scriventi organizzazioni sindacali in merito alla scarsa trasparenza e al deficitario rispetto delle norme messi in atto dal vertice politico-amministrativo dell’Ateneo in molte procedure concorsuali ed in altri atti amministrativi.

Nell’interesse della stessa Università e dell’intero territorio sarà opportuno che il Ministro dell’Istruzione, Università e ricerca disponga tutto quanto necessario per ripristinare condizioni di legittimità e di trasparenza nell’ateneo salentino. Purtroppo, ciò che emerge è la totale inidoneità dei vertici universitari a governare una realtà complessa come quella dell’Università del Salento".

 

 

 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

  • I pacchi? In casa della postina infedele. E il figlio scovato con la droga

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

Torna su
LeccePrima è in caricamento