Il sindaco difende la sua amministrazione: “Noi lavoriamo per la comunità”

Replica di Paolo Menozzi alle accuse di degrado politico, morale e finanziario mosse dalle opposizioni, con la difesa delle scelte “importanti” della sua maggioranza. E rilancia: “Nulla di costruttivo in certi attacchi personali”

COLLEPASSO - L’amministrazione comunale di Collepasso c’è e funziona. Questo il messaggio che, tra le righe, Paolo Menozzi, sindaco della città, affida nella sua nota stampa di commento al consiglio comunale del 29 ottobre scorso e alle interpretazioni di “degrado politico, morale e finanziario” che il Pd e l’opposizione hanno riferito alla maggioranza.

“L’ordine del giorno del consiglio comunale del 29 ottobre – chiarisce - con 16 punti iscritti e tutti  approvati - compreso il bilancio di previsione, approvato con larga maggioranza (8 voto favorevoli contro 2 contrari e 1 astenuto), è la dimostrazione di una maggioranza che approva e programma importanti interventi per la comunità”. Tra questi, Menozzi indica la modifica e aggiornamento per il Pai e l’approvazione delle modifiche sul regolamento impianti fotovoltaici.

“Per i consiglieri di minoranza del Pd – sottolinea – ‘il profondo degrado politico, morale  e finanziario’ di questa amministrazione è il  pignoramento a seguito di esecuzione forzata avvenuto il 5 maggio 2011, amministrazione dell’ex sindaco Vito Perrone che è  sfociato nel debito fuori  bilancio di euro 532.884,00 con sforamento del patto di stabilità e sanzione con  minor  trasferimento  di  entrate  per il 2012 di euro 105.254,00”.

“Non aver adeguato – prosegue - il costo di costruzione e gli oneri di urbanizzazione  agli indici istat periodo 2007-2011, amministrazione ex sindaco Vito Perrone, con un danno erariale di circa 35mila euro, tanto che oggi la corte dei conti obbliga a mettere in mora i dirigenti comunali di quel periodo; non aver riconosciuto il pagamento delle indennità circa 15mila euro dell’anno 2007 all’ex vice sindaco e a due altri amministratori, che oggi pretende dopo che nel 2009 l’ex sindaco Vito Perrone  gli ha negato”.

Infine, “aver contribuito – aggiunge - a riportare all’interno della nostra comunità un clima di serenità e collaborazione con tutte le  istituzioni, forze politiche e le associazioni dopo una stagione di veleni durata dal 2006 al  maggio 2011”.

“Come mai – si chiede in conclusione - questi personaggi, esclusi i veleni e gli attacchi personali al sindaco, agli assessori  e consiglieri di maggioranza che ogni giorno lavorano per il bene e la crescita  della comunità, non sanno proporre mai niente di costruttivo?”.

Potrebbe interessarti

  • Concertone Notte Taranta: quaranta brani per una notte senza soste

  • Balneazione, un pericolo da non sottovalutare: le correnti di risacca

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Pannelli fotovoltaici: come funzionano e i vantaggi

I più letti della settimana

  • Spaccio di cocaina nella "movida": 13 arresti e quattro locali rischiano la chiusura

  • Col volto travisato, avvicinano un bimbo: la madre li vede e urla, poi la fuga

  • Un tuffo dall’alta scogliera: lesioni cervicali per un 16enne

  • Briatore scatenato su Instagram: “A Gallipoli mandano via gli yacht”

  • Scontro all’incrocio: 28enne sbalzato dallo scooter muore in ospedale

  • Fingono di scaricare birra appostati davanti ai “paninari”: militari catturano il ricercato

Torna su
LeccePrima è in caricamento