"Brutta strega, devi morire". Davanti all'attacco la Poli risponde con ironia

Dopo Carlo Salvemini, anche la senatrice riceve improperi e minacce, da parte di un'utente di Facebook, alla quale ha replicato con una buona dose di sarcasmo. Di certo, resta la scia di un malcostume sempre più diffuso

LECCE – E dopo Carlo Salvemini, ora anche Adriana Poli Bortone riceve la sua buona dose di minacce e improperi via social. Seguendo un malcostume sempre più diffuso, i toni in campagna elettorale spesso vanno bel al di sopra delle righe, così le dita danno forma ai pensieri peggiori, spesso non meditando sulle conseguenze, con risvolti anche penali. Nel caso di Salvemini, per esempio, la vicenda sta andando avanti con tanto di formale denuncia e indagini della Digos.  

“Brutta strega, devi morire!”, ha dunque sbottato un’utente di Facebook nei confronti della senatrice ed ex ministro, ricandidata alla carica di sindaco dopo la lunga parentesi dal 1998 al 2007, questa volta sostenuta dalle Civiche unite. Ma lei, forte dell’esperienza di ben altre battaglie affrontare nella sua lunga vita politica, e usando l’arma di una sottile ironia, ha inteso replicare:  “Brutta ci sta, strega è probabile, che si debba morire non è solo un mio privilegio. Dobbiamo tutti usufruirne! Esprimete tutta la solidarietà non a me, ma alla […], che vive nell'illusione di essere immortale”. 

Altri utenti di Facebook si sono accodati al commento sulla pagina ufficiale della senatrice, chi manifestando solidarietà (alla senatrice, non a chi le ha auspicato il trapasso), chi accodandosi nel sarcasmo, con citazioni memorabili, come il tormentone “Ricordati che devi morire”, dall’indimenticabile “Non ci resta che piangere” di Roberto Benigni e del compianto Massimo Troisi.  

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (9)

  • Bellissima risposta! Grande Poli!

  • Difficile commentare certi sproloqui sul web! Tuttavia la classe politica tutta eviti di alzare i toni della campagna elettorale, parlando dei contenuti ed agitando di esprimere giudizi sulle persone di fede differente! Chi ha più buon senso lo usi insomma! Bene ha fatto l’onorevole Poli a rispondere con sarcasmo alle offese!

  • La poli bortone ha utilizzato la città di lecce per il suo fantomatico prestigio politico, puo tranquillamente riempire le sue giornate insieme alla barbara durso su canale cinque. Che vada a lavorare!

    • Ecco, adesso va molto meglio. Augurare ad una persona di lavorare è sicuramente meglio che augurarle di morire. Io non sono mai stato un elettore della Poli Bortone, ma un po' di buon senso non guasta mai.

      • Diciamo di buon gusto, senza dire di civiltà

  • Sull’imbarbarimento dei costumi civili non ci sono dubbi, basta leggere i toni di alcuni personaggi che commentano su questo giornale. In ogni caso sembra che augurare la morte di qualcuno si ritorca contro chi la augura. Fossi in lui/lei inizierei a fare gli scongiuri e ad augurare alla Senatrice Poli una lunghissima vita,

  • Cara Poli Bortone, si faccia un esame di coscienza, la gente non è pazza se arriva ad insultarla in questo modo.

    • Infatti, è solo stupida.....

      • E non è da sola ...

Notizie di oggi

  • Cronaca

    “Favori&Giustizia”, arriva il “sì” del pm al patteggiamento del neurologo Trianni

  • Politica

    "Che ne sarà dei lavoratori del Mercatone Uno?": sciopero e protesta in prefettura

  • Galatina

    Camionista reagisce alla rapina: disarmato e ferito al capo. Fermati in tre

  • Cronaca

    Intercettazioni su Marti, la Giunta della Camera dei deputati si tira fuori

I più letti della settimana

  • Finisce con la Porsche nei campi: muore durante il ricovero giovane imprenditore

  • Accerchiata la masseria dello spaccio. E in una grotta, droga a volontà e un'arma

  • Troppo gravi le ferite, muore in ospedale 25enne ferito in un incidente stradale

  • Attendono il direttore, arrivano i carabinieri: banda colta sul fatto

  • Cocaina, materiale esplosivo e arma in cassaforte: arresti e denunce

  • Orrore in casa. “Abusava di qualunque familiare gli capitasse sotto tiro”

Torna su
LeccePrima è in caricamento