Una discarica a cielo aperto in periferia. "Ma Lecce è divisa in quartieri di serie A e B?"

La denuncia di Diego Dantes, del Pd di Lecce, ed Emilio Micocci, segretario dei Giovani democratici. In via del Ninfeo, nei pressi di viale Grassi, rifiuti vari abbandonati in modo abusivo, bitume, pneumatici, vetri e materiale di risulta edile. "Spettacolo imbarazzante, il Comune vigili meglio"

“Rifiuti di ogni genere scaricati lungo i bordi del tratto stradale e fuori dai giusti contenitori: una discarica a cielo aperto che colpisce la vista di chiunque dovesse percorrere quel tratto di strada secondaria della città”.

La denuncia arriva da Diego Dantes, del Pd di Lecce, che con Emilio Micocci, segretario dei Giovani democratici del capoluogo, già in altre occasioni ha rimarcato l’esistenza di grossi cumuli di rifiuti abbandonati in aree del centro abitato meno battute e, quindi, lontane da occhi indiscreti. Una pessima pratica di cittadini con scarso senso di civiltà, ma anche di qualche trasportatore di ditte private, che, nel corso di lavori edili, si sbarazza a volte in questo modo degli scarti. Abbattendo i costi di smaltimento, a discapito dell’ambiente.  

“L’ennesima pugnalata alla città – dice Dantes, riferendosi in questo caso a una montagnola di rifiuti in via Del Ninfeo -, agevolata dall’assenza di controlli adeguati, da coloro che non hanno a cuore la salubrità del nostro territorio. La richiesta di maggiori controlli, più volte sollecitata, da parte dell’amministrazione comunale è totalmente inevasa”.

Dantes e Micocci, dunque, puntano l’indice sia sul malcostume di alcuni cittadini, sia sull’amministrazione di Palazzo Carafa, accusata di non essere sempre vigile come dovrebbe su questo fronte. Via del Ninfeo, in particolare, è un tratto che passa in mezzo a terreni incolti, tra viale Giuseppe Grassi e Via Codacci Pisanelli. Vi si trovano, come evidente nelle foto, rifiuti vari abbandonati in modo abusivo, bitume, pneumatici, vetri e materiale di risulta edile. “Uno spettacolo imbarazzante”, dice ancora l’esponente del Pd.

“Il timore che la città sia suddivisa in quartieri di serie A e in zone di serie B si trasforma puntualmente in un’amara constatazione”, aggiunge poi Micocci. “E’ ancora più grave poi osservare come questa situazione di verifichi a due passi da uno dei nodi nevralgici della nostra città: la stazione, e a poche centinaia di metri dalla centralissima porta Rudiae”, conclude il segretario dei Giovani democratici. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sommozzatore in un pozzo: all’interno i resti del piccolo Mauro?

  • Violento schianto in centro, coinvolto il musicista Nando Popu

  • Forestali, denunce a raffica. E sequestrate 98mila piantine di melograno

  • Carabiniere e “Le Iene” sott’accusa, chiesti 100mila euro di risarcimento

  • Spaccio di droga: in 14 a processo. Tra loro l’imprenditore dei vini Gilberto Maci

  • La barca s'incaglia, i tre pescatori tornano a riva sfidando il mare gelido

Torna su
LeccePrima è in caricamento