Lecce: più telecamere per la sicurezza, diventeranno 47

L'incendio di sei vetture avvenuto nella notte fra sabato e domenica nei pressi di Porta Napoli spinge Palazzo Carafa a misure più ferree. Previste quindici nuove telecamere proprio in quella zona

Più sicurezza per la città di Lecce. Il grave episodio di piazzetta Baglivi, dove la notte fra domenica e lunedì 11 febbraio sono andate a fuoco ben sei autovetture, ha acceso (è il caso di dire) la rabbia di quanti non si sentono più al sicuro, a causa di continui atti vandalici notturni avvenuti nel tempo, di cui questo rogo rappresenta senz'altro l'apice. Per questo motivo, i tecnici dell'assessorato al Traffico e mobilità hanno predisposto oggi un'integrazione del progetto di monitoraggio della città attraverso telecamere, che dovrebbero entrare in funzione a primavera.

La notizia proviene direttamente dal sindaco Paolo Perrone e dall'assessore al Traffico e Mobilità Giuseppe Ripa. Alle 32 telecamere originariamente previste nel piano, dunque, ne saranno aggiunte altre 15, per un totale di 47 strumenti elettronici che vigileranno su quelli che sono ritenuti gli obiettivi più a rischio sotto il profilo della sicurezza: monumenti, vie cittadini o spazi poco illuminati. L'integrazione (che comporta una relativa integrazione di spesa di 415mila euro sulla somma iniziale di circa 2 milioni di euro sul Pon Sicurezza) riguarderà la zona del centro storico nei pressi di Porta Napoli, e quindi attigua proprio a piazzetta Baglivi. Il nuovo dimensionamento del progetto - spiega una nota di Palazzo Carafa - sarà sottoposto alla valutazione tecnica della prefettura di Lecce e successivamente inviato al ministero dell'Interno per l'approvazione.

Per il leader del centrosinistra Antonio Rotundo "ciò che è avvenuto l'altra notte a Piazza Baglivi è molto grave e non va ne minimizzato, ne sottovalutato. Fatti così gravi alimentano allarme diffuso ed accentuano la domanda di sicurezza, già molto forte, che viene dai cittadini, molti dei quali sentono minacciata la propria tranquillità persino nella propria casa, negozio o luogo di lavoro. Sia in centro che in periferia. E lo dimostra il numero elevato di mozioni, interpellanze e ordini del giorno presentati in questi mesi dai consiglieri comunali di diversa appartenenza politica".


ROTUNDO: "PIU' FONDI IN BILANCIO PER LA SICUREZZA". COCLITE: "OTTIMA INIZIATIVA LE NUOVE TELECAMERE"

"Non vogliamo strumentalizzare niente - prosegue Rotundo -, ma è necessaria una maggiore attenzione al problema. Soprattutto occorre essere conseguenti alle dichiarazioni, quali quelle rilasciate dal Sindaco che pure condividiamo e per questo destinare alla sicurezza cittadina maggiori risorse rispetto ad oggi. Per questo chiediamo che nel bilancio di previsione per il 2008 che si sta predisponendo per l'esame del Consiglio Comunale le risorse finanziare siano raddoppiate. Sarebbe questo il segnale concreto che la sicurezza è per davvero una priorità assoluta."

Soddisfatto invece della decisione assunta da Palazzo Carafa Luigi Coclite, de "La Città". "Al di là dei dati sui fenomeni criminosi, il livello di sicurezza percepito dai cittadini è direttamente proporzionale all'immediatezza delle risposte fornite dalle istituzioni. E' per questo che, in relazione ai nostri precedenti interventi in materia e alla luce degli ultimi episodi che hanno allarmato la cittadinanza, riteniamo di dover sottolineare l'importanza delle misure immediatamente assunte dall'amministrazione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
"Grazie all'impegno dell'assessorato al Traffico, infatti, Lecce sarà dotata di ulteriori quindici telecamere (da aggiungersi alle trentadue già previste nel progetto licenziato dal Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza presso la Prefettura) che verranno installate nella zona compresa tra la Chiesa di Sant'Angelo, piazzetta Baglivi, via delle Bombarde e via Principe di Savoia (area interessata peraltro dal traffico di sostanze stupefacenti). Un sistema, quello di videosorveglianza, la cui necessità è stata rimarcata dallo stesso Questore di Lecce Vittorio Rochira. "La Città - Progetto per il Salento" - conclude Coclite - esprime dunque viva soddisfazione per la celerità dell'intervento dell'Amministrazione comunale e per l'impegno profuso dal sindaco Paolo Perrone e dall'Assessore Giuseppe Ripa. Un altro punto qualificante della piattaforma elettorale de "La Città" trova piena e concreta applicazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una 26enne finisce contro un muretto e muore: secondo dramma in quattro giorni

  • Nel Salento 54 casi nei due ultimi giorni. Nessuno attribuito capoluogo

  • In Puglia 124 nuovi contagiati. Due decessi, uno in provincia di Lecce

  • “Il mostro è arrivato dentro casa”: La Fontanella, sono 31 i contagiati

  • "Dote" da sposa e corredo di nozze trasformati in mascherine: “Sono per i più poveri”

  • Il giorno più pesante: 152 nuovi casi accertati, un quarto nel Salento

Torna su
LeccePrima è in caricamento