Una ludoteca dove sorgevano le "case minime": operativa dal primo ottobre

In via Sozy Carafa la struttur che può ospitare fino a 24 bambini contemporaneamente, dai 3 ai 10 anni. Aperta di pomeriggio almeno cinque volte a settimana

L'ingresso della ludoteca in via Sozy Carafa,

LECCE - Dal primo ottobre la ludoteca comunale di via Sozy Carafa, sarà operativa, di pomeriggio per almeno cinque giorni a settimana. Si sono concluse le procedure successive alla gara che Palazzo Carafa aveva indetto già nel marzo del 2018 e che è stata aggiudicata per tre anni alla cooperativa sociale "P.G. Melanie Klein".

La struttura, che si sviluppa sul solo piano terra, è stata costruita - nell'ambito di un vecchio programma di recupero urbano - nella zona dove sorgono gli edifici di edilizia popolare detti "case minime". Quattro palazzine sono state abbattute nel 2012, quelle antistanti lo saranno a breve. La ludoteca ospiterà bimbi dai 3 ai 10 anni. fino a un massimo di 24 contemporaneamente: il concessionario, che ha l'obbligo dell'allestimento e della manutenzione, ha la facoltà di organizzare in autonomia corsi e attivià ludico-ricreative, di aggregazione, di pubblica utilità.

l servizio sarà a pagamento. Naturalmente, una particolare attenzione è imposta dalle condizioni di gara ai piccoli che si trovano, loro malgrado, in determinate situazioni: "Al fine di favorire la frequenza di tutti i minori, il tariffario - recita il testo del capitolato - dovrà prevedere l’esenzione totale per i minori in carico ai servizi socio-sanitari nell’ambito di interventi educativi programmati dai servizi sociali e di sostegno alle competenze genitoriali disposti dall’autorità giudiziaria".

La ludoteca - che ha una superficie complessiva di 186 metri quadrati - è dotata di un giardino attrezzato e, tramite le pareti a vetro che la caratterizzano, consente la vista di Villa Reale e della sua tettoia in stile liberty. Grandi murali con citazioni la rendono immediatamente riconoscibile dall'esterno.

“Una nuova opportunità per le famiglie e i bambini di San Pio – ha dichiarato l’assessore al Welfare, Silvia Miglietta –  in un quartiere nel quale luoghi come la ludoteca comunale diventano presidi di socialità e di incontro. È soprattutto ai più piccoli che dobbiamo garantire i servizi necessari per fargli  percepire il quartiere come una seconda casa, come un luogo amico. Ringrazio quanti hanno contribuito al buon esito della non facile vicenda amministrativa di questo spazio”. 


 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

Torna su
LeccePrima è in caricamento