Le zeppole per San Giuseppe. Trionfo di crema e cioccolato

Il tradizionale dolce per la Festa del papà. Con crema pasticcera e crema al cioccolato, di solito sono fritte ma esiste anche la variante al forno. Per i principianti una sfida culinaria ad alto coefficiente di difficoltà

Gianna Greco 16 marzo 2012
2

 

Zeppole

Per la festa di San Giuseppe e festa del papà abbiamo scelto per voi le zeppole, un classico, un dolce goloso e ricco di crema pasticcera e crema al cioccolato.

Ingredienti:

500 g di farina 00

300 g di burro di ottima qualità

500 ml di acqua

6/7 uova

2 cucchiaini di sale

150 g di zucchero semolato

olio o strutto per friggere

500 g di crema pasticcera di cui 100 g al cioccolato

Preparazione:

ponete in una casseruola dai bordi alti l’acqua, il burro e il sale. Fate sciogliere a fuoco medio ed al primo accenno di bollore spostate dal fuoco e versate la farina, setacciata, in un colpo solo. Mescolate di continuo e con forza e rimettete sul fuoco, basso, continuando a mescolare fino a quando diventerà un unico impasto e sfrigolando si staccherà dalle pareti della casseruola. Togliete dal fuoco e riversate in una ciotola di vetro o nell’impastatrice. A questo punto aggiungere un uovo per volta facondolo assorbire dalla pasta prima di aggiungere il successivo. Il numero delle uova varia in base alla capacità di assorbimento, comunque, dovrà risultare un impasto morbido tipo colloso.

Lasciate riposare per 20/30 minuti.

Inserite il composto in una sacca da pasticcere con bocchetta spizzata o con l’ausilio di due cucchiai disponete il composto a girandole o mucchietti ben distanziati su una carta oleata, leggermente imburrata.

Preparate due pentole distinte per la frittura con abbondante olio, le zeppole dovranno galleggiare comodamente e portate la prima alla temperatura di 130 °C e la seconda a 160 °C. (consigliato un termometro per grassi).

Immergete le zeppole, poche alla volta, nella prima padella dove si gonfieranno e si doreranno leggermente e con la schiumarola passatele direttamente nella seconda dove completeranno la cottura ed acquisteranno un colore dorato più scuro. Scolatele su carta assorbente e rigiratele nello zucchero semolato.

Adagiatele sul vassoio da portata e lasciate freddare prima di completate con un fiocco di crema pasticcera e sopra con uno più piccolo di crema al cioccolato usando una sac-à-poche o una siringa per dolci.

Servite subito o conservate in frigorifero coperte.

Tempo di preparazione: 2h c.

difficoltà: alta

stagioni consigliate: tutte

Vino consigliato: Moscato di Trani Doc

Varianti: esiste la versione al forno, quella con amarene sciroppate sulla crema pasticcera e la versione mini farcita con crema chantilly.

Curiosità: le zeppole non sono propriamente salentine ma probabilmente d’origine partenopea con la confettura di amarene al posto della crema pasticcera ed ecco spiegata la presenza, tutt’oggi, delle amarene sciroppate sulla crema.

E’ un dolce golosissimo e molto ricco, ma come per tutti i dolci si è cercato di renderlo un po’ meno calorico cuocendolo in forno anzichè friggerlo, ma il risultato è decisamente diverso.

Sempre per l’attenzione alla linea c’è la versione mini, monoporzione, ma dal momento che viene anche farcita con crema chantilly, l’intento risulta vanificato.

La ricetta è praticamente quella della pasta choux, o pasta per bignè, ma ci sono tante varianti come l’uso dello strutto o della margarina al posto del burro o con le patate nell’impasto e tante altre.

Sulla frittura abbiamo facoltà di scelta la nostra è ricaduta sullo strutto ancora molto, anzi troppo, usato in pasticceria, ma se la zeppola la si mangia una volta all’anno si può anche chiudere un occhio.   

Annuncio promozionale

www.cookingexperience.it

zeppole

2 Commenti

Feed
  • Avatar di Gianna Greco

    Gianna Greco Ciao candida, ti posso garantire che sono davvero ottime, mio figlio ne ha mangiate tre di fila, una è proprio quella della foto....però poi non ha cenato

    il 16 marzo del 2012
  • Avatar anonimo di candida

    candida mmmmmmm...che buone!domenica proviamo a farle e ;Mangiarle

    il 16 marzo del 2012