Tentato omicidio: 37enne al sesto piano di un palazzo con ferite da arma e tagli alla gola

La telefonata anonima giunta alla sala operativa della questura nel tardo pomeriggio: il ferito sottoposto a un delicato intervento chirurgico

Un poliziotto davanti alla palazzina di via Machiavelli.

LECCE – Una telefonata anonima è giunta alla sala operativa della questura nel tardo pomeriggio di oggi: “C’è un uomo ferito”. Gli agenti hanno raggiunto il luogo indicato: il sesto piano di un palazzo al civico 3 di via Nicolò Machiavelli, nella zona 167, nei pressi del parco Trax Road e dello stadio di Lecce. Al loro arrivo, Riccardo Savoia, un 37enne incensurato, giaceva sul pavimento del terrazzo di un appartamento non di sua proprietà, cosciente, ma circondato dal sangue. È stato infatti aggredito in più punti del corpo e poi condotto in ospedale d’urgenza, dopo l’arrivo degli operatori del 118. Addosso, ferite da taglio sia all’altezza della gola sinistra, sia in altre parti del viso. E non è tutto. I medici dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce gli hanno anche riscontrato lesioni da arma da fuoco alla testa e al fianco sinistro. È stato dunque accompagnato in sala operatoria, dove si trova tuttora per un delicato intervento chirurgico di estrazione delle ogive.

Non è dato conoscere il calibro dell’arma utilizzata dal suo aggressore, ora ricercato dagli agenti delle volanti e della squadra mobile, impegnati nell’attività di indagine assieme alla scientifica. L'attività investigativa è stata immediatamente avviata dagli inquirenti, anche se piuttosto complessa. Non sono state rinvenute tracce ematiche lungo le scale del condominio, a parte quelle rilevate sul terrazzo teatro del grave fatto. Non è dato sapere chi abbia scelto quel luogo, forse per un chiarimento poi sfociato nel sangue.

Il video: rilievi nelle mani della squadra mobile di Lecce

Di certo c'è che quella palazzina, il cui portone è stato aperto con facilità, è abitato da famiglie tranquille, composte soprattutto da residenti anziani. La vittima dell'agguato, pur abitando nello stesso rione, non ha nulla a che vedere con l'edificio. Poco lontano, gli investigatori della mobile hanno notato l'auto del 37enne, una Mercedes Classe A, sottoposta a una perquisizione: all'interno dell'abitacolo, però, non sarebbe stato rinvneuto nulla di strano o comunque di riconducibile alla sparatoria. La polizia sta setacciando intanto la zona, alla ricerca di videocamere di sorveglianza utili all'attività: dispositivi di cui, sfortuntamente, il palazzo in cui si è verificato l'accaduto non è provvisto.

Potrebbe interessarti

  • Un traguardo dopo l'altro: Lele dei Negramaro pronto alla 9 chilometri

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

  • Come annaffiare le piante quando sei in vacanza

  • "Felice di essere con voi": Elisa super ospite del concertone della Taranta

I più letti della settimana

  • Automobile si ribalta fuori strada, muore giovane madre di 33 anni

  • Torna il maltempo, allerta arancione: forti temporali attesi a partire da ovest

  • Perde il controllo dell’auto e si ribalta: un 27enne in Rianimazione

  • Autovelox su statali e provinciali: ridefiniti i tratti dove possono essere installati

  • Morto Giovanni Semeraro, il patron che ha portato il Lecce dentro il calcio moderno

  • Due incidenti: un 18enne in codice rosso e una giovane incinta al "Fazzi"

Torna su
LeccePrima è in caricamento