← Tutte le segnalazioni

Altro

Il candidato consigliere comunale Stefano My: “Basta pressioni”

Sono alcuni giorni che ricevo continui contatti da amici esponenti dei vari movimenti politici presenti nel territorio.

Univoca richiesta tale da essere oppressiva:

qual è la mia posizione politico amministrativa in merito alle ultime dimissioni dei due consiglieri di minoranza?

In quanto ad informazione e trasparenza cittadina è risaputo che nessun consigliere dimissionario nè le surroghe dimissionarie nè tanto meno l'attuale Sindaco con i suoi assessori hanno avuto e credo avranno l'onestà politica di informare i propri elettori e la cittadinanza tutta, dei veri motivi per cui hanno determinato tale posizione disastrosa. Non è più sufficiente giustificarsi con il classico, oramai di moda, "per motivi strettamente personali", ne tanto meno giustificabile.

Come al solito la vecchia guardia politica tenta di diffondere nella comunità informazioni al quanto false ed assurde nell'affermare che la tenuta di questa attuale maggioranza ora sta come per magia nelle mie mani insinuando che io potrei surrogare la consigliera di minoranza dell'ex alleanza Albachiara nel caso di sue dimissioni (scrivo "ex" perché il Partito Democratrico e il Movimento Giovanile Porto Cesareo non ne fanno più parte da tempo)

Il Consigliere comunale Anna Peluso è indecisa se dimettersi o meno a causa della possibilità che io possa accettare di sostituirla?

Non deciderò da solo ma deciderò insieme al gruppo politico di riferimento che rappresentavo all'interno dell'ex alleanza Albachiara ossia il Movimento Giovanile Porto Cesareo e raccoglierò, alla luce del sole, pareri anche dai miei elettori e dai miei sostenitori attuali.

Capisco ma non condivido l'insistente pressione e le paure che spingono nel sapere a tutti i costi quali siano i miei indirizzi politico amministrativi, ma mio malgrado, così come già chiarito esplicitamente a tali forze politiche, affermo ancora una volta con certezza che tale scelta verrà presa in esame insieme al mio gruppo politico e se necessario con l'intera cittadinanza, così come le linee guide del MoVimento 5 Stelle Porto Cesareo spiegano, solo ed esclusivamente dopo che chi di dovere (il consigliere comunale in carica Anna Peluso) si assuma le proprie responsabilità senza tener conto delle responsabilità altrui.

Da tempo come di consueto quindi nel nostro paese si sono avviate le trattative per rincalzare questa "povera" maggioranza che "barcolla ma non molla".

Tengo a precisare però che non è nel nostro stile partecipare ai soliti giochi di potere costruiti ad hoc attraverso spartizioni e compromessi in stile di "vecchia politica".

Porto Cesareo, 10 aprile 2014

P.S. Il presente comunicato è stato compilato dall'interessato.

Segnalazioni popolari

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Avatar anonimo di Pietro Falli
    Pietro Falli

    Approfitto di questo spazio per rispondere a Stefano My (ma anche a tutti gli amministratori e a tutti i cittadini-elettori), soprattutto in merito al suo scetticismo circa la supposta “mancanza di onestà politica” di informare tutti gli elettori di Porto Cesareo, dei veri motivi che mi hanno indotto a dare le dimissioni da assessore della giunta comunale del Sindaco Albano. È mai possibile che dietro ogni atto decisionale di chicchessia si debba trovare sempre e comunque qualcosa di recondito, qualcosa di losco, il chissà cosa c’è sotto? Per una volta tanto, se vogliamo, la mia è stata una scelta egoistica, dettata dall’esigenza di pensare un po’ a me stesso, alla mia famiglia, alla mia professione per cui ho studiato e continuo a studiare tanto. Non riuscendo più a trovare in me, anche per tanti altri motivi (intimidazioni dinamitarde, volantini infamanti, indagini giudiziarie ad oltranza, ostruzionismo becero, diffamazioni calunniose, macchina burocratico-amministrativa elefantiaca ecc … ) fattori stimolanti sufficienti a proseguire il mio mandato amministrativo, anzi pervaso soltanto da sentimenti di sofferenza interiore, ho ritenuto di fare un passo indietro, e lasciare ad altri l’onore/onere di portare avanti l’apparato burocratico-amministrativo di Porto Cesareo. Arriva prima o poi, nella vita di ciascuno, il momento di fare delle scelte di opportunità. Il pensare che forse esistano degli uomini più capaci di me di amministrare il nostro beneamato paese è forse dimostrare disonestà politica-intellettuale? Certo mi è dispiaciuto di aver dato l’impressione, con le mie dimissioni, di aver abbandonato i miei compagni ed amici di avventura amministrativa, ma non me la sentivo più di continuare ad amministrare col groppone sullo stomaco, demotivato e stanco. Pertanto, nella consapevolezza che impegnandomi soprattutto nella mia professione di medico, di marito e di padre di famiglia, avrei fatto bene almeno quelle poche cose per cui vale la pena di vivere una vita, anziché  vivacchiare fino alla fine del mio mandato amministrativo, ho deciso, in piena autonomia, di dire addio all’attività politica-amministrativa. Tutto qua. Chiedo scusa a Salvatore, Silvia, Paola, Gigi, Nicola, Eugenio e a tutti i miei elettori se li ho delusi, ma penso e spero che mi capiranno. La mia è stata solo una scelta a favore della mia persona e della mia famiglia e non contro l’amministrazione comunale di Porto Cesareo. In fede, Pietro Falli ex assessore alla cultura e spettacolo della giunta comunale del Sindaco Albano Porto Cesareo 16.04.2014       

    • Avatar anonimo di Stefano My
      Stefano My

      Caro Pietro Falli rispetto molto ciò che hai scritto. Ti ricordo però che il mio nonché nostro pensiero è generico non individuale e sulla tua posizione al riguardo si è percepita da subito una scelta ragionata e di buon senso. I motivi che oggi hai espresso ti fanno onore ed esplicitano senso di onestà. Riteniamo però che su ogni posizione o scelta nel settore si debba a priori coinvolgere la collettività in qualità di rappresentanza della stessa soprattutto quando il motivo non coinvolge priorità personali. Per questo non condividiamo il modo in cui ben 16 elementi hanno dato le dimissioni con la stessa giustificazione che ovviamente rappresenta una casualità troppo "azzardata". Ribadisco comunque che oggi con tale comunicato ti sei dimostrato una persona degna del rispetto della collettività e mi dispiace molto che le mie parole abbiano colpito la tua sensibilità. Ti auguro una buona giornata.

  • Avatar anonimo di comitato.aurora
    comitato.aurora

    tutto bene tranne l'ultimo passaggio. Non esistono nè giochi nè accordi, siamo tutti liberi. grazie

  • Avatar anonimo di Cosimo Provveduto
    Cosimo Provveduto

    Condivido in pieno la tua posizione, prima di tutto alquanto trasparente, ma che nel contempo invita ed esorta ciascuno ad assumersi le proprie responsabilità senza nascondersi dietro quelle degli altri che, mi pare abbastanza esplicito, anche e non solo per il ruolo assunto e quantomeno in questo caso, siano successive. Complimenti: il cerino acceso vada in altre mani.

Segnalazioni popolari

  • Segnalazioni

    Seconda foresta urbana...

Torna su
LeccePrima è in caricamento