rotate-mobile
Università

"Imparare facendo", l'università ospita 45 alunni salentini nella “Scuola estiva di fisica"

Oltre a proporre simulazioni per le gare nazionali di fisica, l'iniziativa è stata l’occasione per selezionare dieci studenti che potranno visitare i laboratori del Cern di Ginevra nel prossimo autunno

LECCE - Si è svolta nei giorni scorsi all’Università del Salento la tredicesima edizione della “Scuola estiva di fisica”, organizzata dal Dipartimento di matematica e fisica “Ennio De Giorgi” in collaborazione con l’Aif (associazione per l’insegnamento della fisica). La prima edizione dopo la sospensione per la pandemia, è stata riservata agli/alle studenti che nell’anno 2022/23 hanno frequentato il terzo o quarto anno di studi superiori e sono motivati/e allo studio della fisica.

La scuola è indirizzata principalmente alla preparazione generale in fisica e, in particolare, ai “Campionati di fisica” (ex-Olifis) organizzate da Aif. Quest’anno vi hanno partecipato 45 allievi e allieve degli istituti: Iiss “Majorana” e liceo scientifico “Fermi - Monticelli” di Brindisi; Liceo scientifico “Vanini” di Casarano; liceo scientifico “Ribezzo” di Francavilla Fontana; liceo scientifico “Vallone” di Galatina; licei Scientifico “Banzi Bazoli”, Scientifico “De Giorgi”, Classico “Virgilio” e Classico “Palmieri” di Lecce; It “Deledda” di Lecce, Iiss “La Noce” e Liceo scientifico “Da Vinci”  di Maglie; liceo “De Sanctis Galilei” di Manduria; Iiss “Trinchese” di Martano; liceo scientifico “Ferraris” di Taranto.

"La scuola adotta la metodologia dell’imparare facendo, e facendo insieme si riesce meglio - spiega il professor Luigi Martina -  senza porsi in alternativa al percorso scolastico e nel massimo rigore scientifico ed educativo. Le attività proposte sono frutto della collaborazione tra docenti universitari e docenti della scuola secondaria superiore, a testimonianza del dialogo continuo e proficuo tra tali Istituzioni. Le lezioni ed esercitazioni hanno coperto gran parte del Syllabus dei Campionati di fisica, mentre un laboratorio di programmazione numerica per la fisica, sviluppato con Python, ha introdotto i ragazzi a queste tecniche ormai indispensabili nella fisica contemporanea. A cura di nostri studenti del corso di laurea in Fisica, sono state simulate la prova sperimentale e la gara a squadre previste dai Campionati nazionali. La scuola è stata inoltre l’occasione per selezionare dieci studenti che potranno visitare i laboratori del Cern di Ginevra nel prossimo autunno".

Come docenti del corso sono intervenuti i professori e le professoresse Marco Anni (UniSalento), Rocco Chiuri (Liceo “De Giorgi”, Lecce), Moreno D’Ambrosio (UniSalento), Piero De Falco (liceo “Calamo – Pepe”,  Ostuni), Rosalba Guadalupi (già Iss “Majorana”, Brindisi), Luigi Martina (UniSalento), Fabio Paladini (UniSalento), Luigi Palatella (liceo “De Giorgi”, Lecce), Danielle Pieroni liceo “De Giorgi” - Lecce, degretaria della Sezione Aif – Salento), Antonio Quintavalle (Liceo “Banzi”, Lecce), Mirella Rafanelli (già Liceo “Vanini”, Casarano), Andrea Ventura (UniSalento). All’iniziativa ha contribuito anche Family Banker di Mediolanum Banca.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Imparare facendo", l'università ospita 45 alunni salentini nella “Scuola estiva di fisica"

LeccePrima è in caricamento