Sabato, 25 Settembre 2021
Avvocato Risponde

Biciclette e motorini parcheggiati su area condominiale. Si può?

La risposta dei legali: "La conciliazione è una procedura assistita da un professionista abilitato e formato, in condizioni di terzietà rispetto alle parti". E si apre definitivamente in Italia la strada alla conciliazione

Siamo arrivati ai ferri corti con alcuni condomini per l’utilizzo di un’area comune nella quale vengono parcheggiate biciclette e motorini da parte di alcuni residenti, mentre altri non vogliono, accampando il pretesto del regolamento condominiale. Per evitare la spese di una causa, abbiamo sentito dire che oggi esiste la possibilità della conciliazione. Si può fare?

Certamente sì. Il DM 180/2010 ha dato attuazione al decreto legislativo 28/2010, aprendo definitivamente in Italia la strada alla conciliazione. La conciliazione è una procedura “assistita” da un professionista abilitato e formato, in condizioni di terzietà rispetto alle parti. Il mediatore facilita ed accompagna le parti a trovare tra loro una soluzione condivisa che conduca alla definizione della vicenda. Il procedimento dura al massimo 4 mesi e ha dei costi piuttosto contenuti, parametrati al valore della questione. Tra l’altro, a partire da marzo 2012, relativamente alle questioni condominiali, sarà obbligatorio il ricorso alla conciliazione prima di adire il Giudice ordinario competente. Il consiglio è quello di rivolgersi ad Organismi di Conciliazione accreditati, il cui elenco è consultabile sul sito del Ministro della Giustizia. Ad esempio su Lecce, l’Organismo di Conciliazione dell’Ordine degli Avvocati è uno dei vari organismi accreditati a norma di legge, al quale si può rivolgere. Avv. Alessandro Presicce  www.dirittoeconsulenza.it

***

Il nuovo servizio offerto da Lecceprima, in collaborazione con i professionisti di Diritto&Consulenza (www.dirittoeconsulenza.it), si pone come una nuova ed interessante opportunità a disposizione del territorio pugliese e dei lettori.

In maniera facilmente accessibile, gli esperti di Diritto&Consulenza metteranno a disposizione dei lettori di Lecceprima la loro competenza nei vari settori del diritto per fornire risposte semplici e chiare ai piccoli e grandi problemi quotidiani. Si stima che in Italia, dall'Unità ad oggi, siano state emanate circa 200.000 leggi, delle quali almeno 20.000 tutt'ora vigenti, nonostante i vari tentativi di delegificazione.

Orientarsi in questo ginepraio legislativo può essere estremamente complicato per i non addetti ai lavori. Ecco che può risultare di grande utilità l'ausilio di esperti che facciano chiarezza su quegli aspetti che stanno più a cuore o, per meglio dire, turbano i sonni del cittadino comune.

Attraverso questa pagina, semplicemente scrivendo all'indirizzo di posta elettronica: info@dirittoeconsulenza.it (oppure compilando il form, ecc.) si potrà porre una domanda ai nostri esperti che selezioneranno i quesiti più interessanti e di interesse generale e forniranno pubblicamente, on-line, una risposta, semplice e concisa.

Occorre precisare che le domande saranno rese impersonali (per ovvi motivi di privacy), così come lo saranno le risposte. Il servizio è reso gratuitamente ed ha, in ogni caso, puro carattere divulgativo, non comportando l'instaurazione di alcun rapporto di tipo professionale e non sostituendo, comunque, una consulenza legale professionale resa per le vie ordinarie.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Biciclette e motorini parcheggiati su area condominiale. Si può?

LeccePrima è in caricamento