Venerdì, 30 Luglio 2021
Earth Day Italia

Il riciclo creativo diventa un fumetto

Educazione Ambientale e fantasia, il connubio proposto dal Consorzio Nazionale degli imballaggi sarà il fulcro del concorso per gli studenti di medie e superiori di Bari

Il Consorzio Nazionale Imballaggi sfida gli studenti delle scuole di Bari ad aguzzare la fantasia e a disegnare il riciclo: il fumetto più bello sulla raccolta differenziata verrà premiato. L’iniziativa “I Fantastici Sei” nasce per coinvolgere i ragazzi sul tema della raccolta differenziata. Si tratta di un concorso a premi per le scuole secondarie di primo e secondo grado lanciato dal CONAI, con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, che chiedono agli alunni di ideare e realizzare un fumetto dedicato al riciclo dei sei principali materiali da imballaggio.

Quindi non sono I Fantastici Quattro che si sono moltiplicati, i Fantastici sei sono acciaio, alluminio, carta, legno, plastica e vetro. Ma i fumetti c’entrano lo stesso.

Il principale materiale di utilizzo per partecipare al concorso è la fantasia: le classi - che in aula seguiranno il percorso formativo di educazione ambientale proposto dal Consorzio e fruibile sul sito www.riciclotvb.it - dovranno realizzare un fumetto che tocchi i temi della raccolta differenziata e del riciclo. Storie, personaggi, super eroi, azioni che compongano una storia originale e avvincente, nella quale ciascuno può aggiungere il suo contributo di creatività.

Giudicherà gli elaborati (che vanno presentati entro venerdì 28 marzo 2014) una giuria, composta dai rappresentanti di CONAI, dei due Ministeri coinvolti e da un docente, che decreterà i vincitori entro il 30 aprile 2014. In palio: un Kit L.I.M. per la classe prima classificata, un iPad per la seconda classificata e una postazione PC completa per la classe terza classificata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il riciclo creativo diventa un fumetto

LeccePrima è in caricamento