Leccesi in quarantena: il Comune dispone il ritiro dei rifiuti a domicilio

Il servizio avviato per i cittadini posti in isolamento obbligatorio. Per loro un'autodichiarazione da inviare oppure un numero telefonico da chiamare

Nel deposito di Monteco

LECCE – Dopo le modifiche la servizio di di raccolta dei rifiuti per adeguarsi alle restrizioni imposte dall'emergenza sanitaria dovuta alla diffusione del coronavirus, una nuova indicazione da Palazzo Carafa: l'autodichiarazione da comunicare via e-mail per consentire una corretta gestione delle operazioni, con la possibilità del ritiro fino all'ingresso del domicilio della persona interessata anche all'interno dei condomini.

Il Comune di Lecce ha previsto una rimodulazione del servizio per andare incontro alle esigenze dei cittadini posti in quarantena obbligatoria. Chi si trova in isolamento domiciliare, infatti, è tenuto a interrompere la raccolta differenziata e seguire le nuove indicazioni: ovvero a conferire i rifiuti di qualunque tipo nel contenitore per la raccolta indifferenziata.

Tutti gli altri cittadini possono procedere con la normale raccolta differenziata, ricordando di conferire nell'indifferenziata mascherine, guanti e i fazzoletti di carta. In tutti i casi, per i rifiuti indifferenziati, è preferibile utilizzare due o tre sacchetti all'interno dell’abituale contenitore domestico, chiudere bene il sacchetto e smaltirlo normalmente.

L'amministrazione cittadina ha messo a disposizione degli utenti che sono in isolamento domiciliare un modulo di autodichiarazione, disponibile sul sito istituzionale www.comune.lecce.it, che deve essere compilato e trasmesso via email all’indirizzo di posta elettronica rifiuti.quarantena@comune.lecce.it.

La procedura di compilazione del modulo è indispensabile per procedere con una gestione separata dei rifiuti in questione mediante una raccolta quotidiana, dal lunedì al sabato, della frazione indifferenziata.

Gli orari e le modalità del ritiro dei sacchi verranno comunicati telefonicamente dagli operatori del gestore dei servizi di igiene e nettezza urbana al numero indicato dal cittadino nella propria autocertificazione. Per ulteriori informazioni o dubbi, il numero di assistenza comunale dedicato alla popolazione in sorveglianza sanitaria o in isolamento fiduciario, 0832 230049, è attivo 24 ore al giorno.

“Il protocollo - ha dichiarato l’assessore all'Ambiente, Angela Valli - frutto del meticoloso lavoro svolto dall’Ufficio Ambiente, dopo l’acquisizione delle indicazioni da parte di Ager, Regione Puglia e Asl, consentirà di andare incontro alle particolari restrizioni a cui momentaneamente sono sottoposti i cittadini in quarantena obbligatoria, alleggerendoli dalle pesanti incombenze. I cittadini in isolamento potranno usufruire del ritiro diretto dei rifiuti da parte del personale Monteco, autorizzato, in via esclusiva, ad espletare il servizio anche all’interno del condominio, fino alla porta di casa dell’ nteressato.  E’ molto importante compilare attentamente e in ogni sua parte il modulo di autodichiarazione predisposto dai nostri uffici, affinché il personale dell’ufficio del Dec e quello del gestore unico possano organizzare il servizio su misura, caso per caso”.

Il Comune ha fornito alcune indicazioni utili per il corretto conferimento dei rifiuti: utilizzare due o tre sacchetti possibilmente resistenti (l’uno posizionato all’interno dell’altro) per contenere la frazione indifferenziata da porre possibilmente in un contenitore a pedale; chiudere bene i sacchetti indossando guanti monouso e utilizzando dei lacci di chiusura o nastro adesivo; una volta chiusi i sacchetti, i guanti utilizzati devono essere conferiti in nuovi sacchetti preparati per la raccolta indifferenziata; infine, lavare accuratamente le mani.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Occorre tenere i rifiuti lontani dagli animali domestici da compagnia. Seguendo queste indicazioni, i rifiuti eventualmente contaminati, finiscono negli impianti di smaltimento dove vengono distrutti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc a Calimera: medico di base colpisce con calci e pugni un 87enne

  • "Assalto" all'ipermercato per le offerte pasquali: assembramenti, arrivano i carabinieri

  • Coronavirus, muore 40enne positivo. Stretta su Pasqua e Pasquetta: “Nessuna gita consentita”

  • Epidemia da Covid-19: cinque decessi in provincia di Lecce, 18 nuovi casi

  • Incendiano l’auto di un 33enne: ma le videocamere immortalano la scena

  • Puglia, crescita lenta: nel Salento dieci nuovi casi, tre i decessi

Torna su
LeccePrima è in caricamento