homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Buca pronta a inghiottire di tutto, persino carcasse d'auto ed Eternit

E' il secondo ritrovamento simile nelle campagne di Collepasso in pochi giorni. E forse sarebbe il caso di indagare per scoprire se in zona esistano siti già interrati da tempo

COLLEPASSO – In quel terreno c’era di tutto, anche rifiuti speciali pericolosi. Fusti di olio per locomozione esausto e barre di Eternit, così come pneumatici, elettrodomestici, parti di veicoli radiati, materiale plastico e di ferro di vario genere. A finire nei guai, questa mattina, è stato un anziano di 84 anni. E’ accusato per la raccolta e la realizzazione illecita di una discarica abusiva nel fondo di sua proprietà. Tale è diventata nel tempo e si è presentata agli occhi dei carabinieri, quella zona, a causa del degrado dovuto ai continui abbandoni di spazzatura.

La scoperta è stata fatta dai carabinieri della stazione di Collepasso durante controllo delle zone rurali intorno al paese. I militari si sono fermati in località “Poste” quando hanno visto spazzatura abbandonata in un fondo agricolo, nelle vicinanze di una masseria. Su disposizione del pm di turno, Carmen Ruggiero, hanno sequestrato una particella di 3mila metri quadri appartenente a un appezzamento agricolo più grande, pari a 10mila metri quadri. E c'è un aspetto ancor più inquietante: nelle vicinanze è stata sequestrata anche una buca vuota di 20 metri per 8 di profondità, che sarebbe stata usata evidentemente per infossare e nascondere i rifiuti.

Si tratta del secondo caso in poco tempo che riguarda le campagne di Collepasso. Poco più di una settimana addietro, infatti, era stata la polizia stradale di Maglie a scoprire un caso molto simile in località “Quagliasiero”. Anche in quella circostanza, sullo sfondo c'erano una masseria e una buca per nascondere rifiuti. Pratiche molto pericolose, perché vi sono materiali come l’Eternit, un tempo usato in abbondanza per l’edilizia e finito di commercializzare in Italia negli anni ’90, di cui è riconosciuto il rischio per la salute, essendo cancerogeni, e che rischiano di inquinare la falda acquifera.

E allora, l'intervento odierno dei carabinieri è stato tanto più importante se si pensa che ben presto tutti quei rifiuti sarebbero stati inghiottiti dal terreno, sparendo alla vista per sempre quando sopra si sarebbe formata vegetazione spontanea. Vista la frequenza di questi ritrovamenti, sarebbe quindi interessante capire se nelle stesse zone esistano cumuli di rifiuti già interrati da tempo, magari da anni. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (9)

  • La mia rabbia è che la soluzione per questi problemi esiste ma non si vuole attuare ! E' lo stato che si deve occupare della raccolta e dello stoccaggio dei rifiuti di qualsiasi ordine e quantità invece viene creato il caos appositamente per consentire a qualcuno di lucrare sul problema.

  • E' un Crimine contro Migliaia di ingnari Cittadini che si avvelenano e spesso si ammalano. Quindi e' un Crimine contro l'Umanita' da debellare inasprendo le Pene e renderle effettive e immuni da cavilli Legali garantisti

  • Se quei rifiuti in falda provocano il cancro e quindi la morte mi chiedo se il proprietario del terreno è stato denunciato ed arrestato per omicidio.

  • Vorrei comunque far notare al giornalista che l'amantio (eternit é solo la denominazione commerciale della fabbrica che produceva del fibrocemento con fibre di amianto, non un materiale o un composto ) non é assolutamente dannoso per la falda acquifera, in quanto il gruppo dei silicati rientranti la famiglia dell'asbesto si trova in miniere. La loro nocività avviene nel momento in cui nell'aria vengono disperse le fibre. Addirittura l'amianto e i silicati cancerogeni simili possono essere ingeriti senza causare tumori cancerogeni. Basta pensare ad esempio alle tubature interrare dell'acquedotto, costruite in tubi di amianto, che non rappresentano alcun pericolo proprio perché non esposte all'aria. Un altro esempio é la stessa legge che regola l'uso dell'amianto e la sua bonifica: esso può essere legalmente venduto ma non può essere trattato o realizzato. Prima di scrivere che l'amianto ( chiamiamolo con il suo nome,sarebbe come chiamare scottex ogni fazzolettino di carta) é pericoloso per le falde sarebbe buona cosa fare ricerche su cosa si scrive.

    • Igeriti nn causano tumori... Non ne sarei tanto sicuro dal momento che sono simili agli spilli

  • Avatar anonimo di Roberto X
    Roberto X

    Confermo....già per strada è un letamaio!

  • Anziano di 84 anni....e chi sono i complici di questo nonnino? Mi sembra di essere tornati ai tempi quando si costruivano interi quartieri di case a mare abusive, intestate a ultra ottantenni.

  • Avatar di xxx
    xxx

    Ma se a Collepasso già quando stai per andare sulla strada si trova di tutto

  • che brutta fine che faremo

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Con lo scooter finisce nelle campagne, muore carabiniere in pensione

  • Cronaca

    Diritti e pretese nella festa patronale: "Chiamo Paolo e ti trovi disoccupato"

  • Cronaca

    Dai Balcani verso il Salento con marijuana per 700mila euro: arrestati due scafisti

  • Cronaca

    Morto dopo la caduta dalla scala, l'autopsia non chiarisce tutto il quadro

I più letti della settimana

  • Un altro giro di giostra, la tragedia di Samuele sembra non aver insegnato nulla

  • Un volo di otto metri: muore sotto gli occhi del figlio titolare di una ditta di luminarie

  • Ingerisce tre fiale di cianuro, muore 30enne. Sarà disposta l'autopsia

  • L’amica non ha notizie da Facebook e chiede aiuto: 56enne trovata senza vita

  • Tragedia a Otranto: dimentica chiavi e si inerpica al secondo piano. La fune cede, muore 68enne

  • Notte della Taranta, con Carmen Consoli ritorno alla tradizione popolare

Torna su
LeccePrima è in caricamento