Il porta a porta stana gli evasori: oltre 1300 le autodenunce

Con l'introduzione del nuovo sistema di raccolta si complica la vita per chi non paga il tributo comunale. Il numero di chi regolarizza la propria posizione cresce con l'estensione del servizio in tutta la città

LECCE - Da quando è stata introdotta la raccolta del materiale e dei rifiuti con il porta a porta sono 1333 i cittadini che si sono autodenunciati agli uffici comunali. 

Lo ha comunicato l'assessore all'Ambiente, Andrea Guido, nel corso di un incontro con i titoli di locali pubblici aderenti a Confcommercio. Sono diverse decine, per settimana, le posizioni che vengono regolarizzate con il pagamento degli arretrati: il numero aumenta parallelamente all'estensione del nuovo servizio di raccolta in tutte le zone della città.

Con l'eliminazione dei cassonetti dalla strade dai primi rioni - centro storico, San Pio e Villa Convento - è infatti subito emerso il problema dell'evasione tributaria. Per ritirare il kit domestico, infatti, i residenti hanno dovuto esibire il bollettino dell'ultimo pagamento della tassa sui rifiuti o almeno il codice fiscale che, incrociando i dati, consente comunque di verificare l'adempimento dei versamenti. 

Come effetto immediato, in alcuni quartieri ha preso piede un fenomeno che ha peggiorato la situazione, anche a causa della mancanza di isole ecologiche, cioè l'abbandono indiscriminato di sacchi sul marciapiede o il conferimento in aree della città legate ancora alla raccolta tradizionale. Per contrastarlo non basta l'attività ispettiva o repressiva, perché la filiera dei controlli non si esaurisce in poco tempo. Ma la stessa consapevolezza di essere prima o poi scoperti, come si vede, sta spingendo gli evasori a regolarizzare la propria posizione.

La questione dell'evasione tributaria non è marginale nella città di Lecce tanto che, per il quinquennio 2007-2012, è stato varato un condono grazie al quale gli aderenti si sono risparmiati il costo delle sanzioni. Secondo stime ufficiose l'evasione tributaria si attesta tra il 20 e il 30 per cento. Anche di recente è stata avanzata l'ipotesi di una nuova "sanatoria", ma l'amministrazione ha ritenuto di non dover penalizzare ulteriormente i cittadini che hanno sempre rispettato le regole.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • I furbetti non mancano pero sempre a discapito dei cittadini onesti speriamo che tutti i/cittadini diventino onesti cosi si paga meno tutti

  • Abito sulla lecce-vernole. Da ben tre anni è stato rimosso il cassonetto, già lontano 1km dalla mia abitazione, pur strapagando il servizio ho sempre dovuto "collaborare" alla raccolta. Ora vengo a sapere che in 1330 si sono autodenunciati. 1.330 su quanti? è tanto difficile un riscontro incrociato? In un paese privo di senso civico a cosa servono i condoni? Mascherano solo l'incapacità di controllo degli organi preposti. Con amministrazioni più serie e preparate, balzelli e tasse , se pagate da tutti, dovrebbero diminuire sensibilmente. A malincuore, do ragione a Renzi per il caso canone TV (ma solo per questo).

  • Avatar di Ron
    Ron

    Che tutti i comuni abbassassero l'imposta ,nel mio di comune hanno aumentato l'imposta per tre volte di fila del 30% ,e da 120 euro si è passata a pagare 260

  • Si parla di autodenuncia ma non di accertamenti degli evasori perché altrimenti non si spiegherebbe il perché ancora molti marciapiedi sono invasi da sacchetti abbandonati vedi quello in via A. Diaz vicino all'acquedotto ancora quotidianamente sporco di sacchetti di spazzatura, questo significa che qualche inquilino nelle vicinanze non ha ritirato il kit e conseguentemente abbandona la propria spazzatura sul marciapiede.

Notizie di oggi

  • Sport

    Il Lecce espugna Siracusa: Mancosu e Pacilli risolvono il match nella ripresa

  • Incidenti stradali

    Finisce contro auto su cui viaggia famiglia con bambini: 80enne muore in ospedale

  • Cronaca

    Rintracciati in 25 nei pressi della darsena: frattura per una bambina

  • Eventi

    Paura e memoria: il Salento terra dei migranti di ieri e di oggi. Intervista a Mario Perrotta

I più letti della settimana

  • Si schianta in moto all'uscita di Lecce, inutili i tentativi di rianimarlo

  • Malore alla guida del Suv, si abbatte su gazebo e investe un giovane

  • Consumi alterati nel ristorante: calamita per ridurli del 70 per cento

  • Lui timbrava, lei si assentava: indagati capitano e assistente

  • Incidente a Mesagne, muore una donna: lavorava in banca in Piazza Mazzini

  • Ucciso a 14 anni per difendere la sorellina, il suo assassino sarà presto libero

Torna su
LeccePrima è in caricamento