Turismo, niente male. Ma il gap con le mete italiane più ambite resta grande

Dai dati di Pugliapromozione emerge un trend positivo, ma dal rapporto Istat anche la consapevolezza di un ritardo significativo

LECCE – Il turismo in Puglia cresce, ma tra le prime 50 destinazioni in Italia compare solo Vieste (24esimo posto). Incrociando i dati di Pugliapromozione con il report annuale di Istat, per il 2015, emerge un quadro senza dubbio incoraggiante ma con ampi margini di miglioramento che per il momento suggeriscono prudenza rispetto alle sortite trionfalistiche che ogni tanto si sentono.

Rispetto al 2014 gli arrivi (cioè i turisti) sono aumentati del 5 per cento, le presenze (i pernottamenti) quasi del 2, con performance ancora migliori considerando gli stranieri: 10 per cento in più tra gli arrivi, 5 tra le presenze. Sono segnali di un trend positivo in atto da tempo, ma la strada da percorrere è ancora molto lunga.

Un esempio: se in dodici mesi a Lecce sono state circa 565 mila le presenze – cioè i pernottamenti nelle strutture alberghiere ed extralberghiere -, a Rimini sono state quasi sette milioni (più altrettanto tra Riccione, Cattolica e Bellaria nella stessa provincia), a Pisa 1,7 milioni, a Siena poco più di un milione. Naturalmente non si prendono nemmeno in considerazione le destinazioni big, come Roma, Venezia e Firenze.

La Puglia, sul totale nazionale, raccoglie il 3,4 per cento delle presenze italiane e straniere (il Veneto, primo, ha il 16,1 mentre la Toscana l’11,3) e si colloca, nel Mezzogiorno, dietro a Campania (4,8) e Sicilia (3,7). Considerando il mercato domestico la percentuale è del 5,4 ma guardando quello internazionale è dell’1,4.

In valore assoluto sul territorio pugliese nel 2015 sono stati 3,5 milioni gli arrivi (i turisti registrati) per 13,5 miiloni di presenze con una permanenza media di 4 notti (il 70 per cento da giugno ad agosto). Un incremento significativo si è avuto nel settore extralberghiero con l’11,8 per cento in più di arrivi e 5,1 di presenze.

E’ la provincia di Lecce la prima nella regione con il 27 per cento del totale degli arrivi e il 32 delle presenze (insieme a quella di Foggia). La città pugliese che registra il maggiori numero di arrivi è Bari con 340mila unità, seguita da Vieste con 275mila e Lecce con 234 mila. Dopo San Giovanni Rotondo e Fasano ci sono Otranto con 130mila e Gallipoli e Ugento con 103mila. Considerando le presenze Vieste è la prima, Ugento la seconda con 800mila, Otranto ne ha registrate 691mila, Lecce 565mila, Gallipoli 480mila. E’ chiaro che accanto a questi numeri ufficiali ci sono quelli del sommerso, ma questo è un altro problema.

Bari è la città con più arrivi stranieri, circa 100mila, quindi Lecce con 60mila (ma il capoluogo salentino si rifà con le preferenze degli stessi pugliesi, degli inglesi e degl statunitensi). Nella provincia di Lecce il mercato non domestico si colloca poco al di sotto della media regionale che è del 21 per cento per gli arrivi e del 19 per le presenze. Un criterio considerato nello studio dell'Osservatorio turistico regionale è anche il cosiddetto tasso di turisticità che riguarda il numero di turisti ogni mille abitanti: a Lecce la media è di 15 con il picco di 62 ad agosto.

Le dichiarazioni

I dati diffusi nel corso di Buy Puglia 2016, oggi a Bari, sono stati oggetto di commento e di analisi. Per Loredana Capone, assessore all’Industria Turistica e Culturale, "se guardiamo al trend di lungo periodo, dal 2007 i flussi turistici internazionali sono cresciuti in Puglia  del 60 per cento mentre il tasso di internazionalizzazione degli arrivi è passato dal 15 del 2007 al 21 del 2015. Esistono ampi margini di sviluppo sui mercati esteri  visto che siamo ancora lontani dal tasso di internazionalizzazione italiano: 21 per cento della Puglia contro il 49 dell’Italia. Il momento è più che favorevole.  Il turismo  internazionale mostra una grande vivacità e fra le tendenze si nota, grazie anche all’incremento dei voli low-cost, una decisa preferenza per gli short break in luoghi autentici, fuori dai circuiti di massa e in periodi di minor afflusso turistico”.

Soddisfatto si è dichiarato Giuseppe Acierno, amministratore delegato Aeroporti di Puglia: “Il traffico aereo in Puglia cresce a ritmi più alti rispetto alla media nazionale e gli eccellenti risultati conseguiti fanno guardare con fiducia alla concreta possibilità di superare a fine dell’anno il già ottimo consuntivo del 2015. Il nostro sguardo, tuttavia, è già proiettato alla programmazione del prossimo anno, obiettivo al quale stiamo lavorando con grande intensità, specie per il rafforzamento dei collegamenti internazionali: è questo, infatti, il settore con il più alto potenziale di crescita, che ha già portato alla Puglia e alla sua rete aeroportuale enormi benefici sul piano dello sviluppo e che riteniamo tanti altri possa portarne in futuro”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • L'estate scorsa che la Puglia era la regione più attraente d'Italia dopo la Sicilia e prima della Toscana, ricorderò male. In ogni caso per mia esperienza personale penso che il vero problema sia il rapporto qualità/prezzo di cosa offre la Puglia. Ti spennano per un servizio mediamente mediocre, a discapito della fidelizzazione, chi viene una volta non ci torna.

  • bisogna costruire un bel red light district coi coffeeshops e le vetrine, come ad amsterdam, e i centri relax/massaggio come bangkok, e wi-fi libero come in estonia, poi vedi come sale il turismo! :)

  • Basta fare una piccola prova su subito e inserire una proprietà nelle maggiori province turistiche e si nota che la provincia dove un annuncio rimane in prima pagina per molto meno tempo è Lecce; oppure basta andare sui siti di case vacanze e vedere il numero di offerte delle varie province. Questo discorso vale per le strutture extra alberghiere dove si concentra la maggioranza di nero.

  • Secondo me, essendo nel campo turistico, posso presumere che questi dati siano 1/3 dei dati reali. Rimini, Riccione e tutte le città della riviera romagnola hanno strutture alberghiere e b&b in prevalenza (dati alla mano, su un famoso portale di case vacanze nella provincia di Lecce ci sono 5000 appartamenti in affitto per il periodo estivo mentre in provincia di Rimini ce ne sono all'incirca 450); questo porta ad avere dei dati nella provincia di Rimini che si avvicinano al 90% alla realtà mentre in provincia di Lecce i dati si discostano di tanto dalla realtà perchè c'è più sommerso. Infatti se si prova a cercare una casa per la settimana di ferragosto non si trova niente libero e in 120 Km di costa più tutti i paesi vicino al mare (Alezio, Salve, Salice, Diso, per citarne alcuni) ci saranno almento 200 mila appartamenti, questo significa che solo in quella settimana ospitiamo almeno 600 mila persone e nella settimana precedente e quella successiva arriviamo più o meno alla stessa cifra; quindi è da considerare tutti i movimenti turistici, dati dichiarati e dati reali.

  • La tanto bistrattata Rimini,fa 14 volte i turisti di Lecce.... Ma noi abbiamo anfiteatri e cucina spettacolare..... Senza i servizi e le infrastrutture,ti puoi permettere solo 40 giorni all'anno. Mentre Rimini,viaggia tutto l'anno

    • Ha più turisti anche perchè se vai nel periodo di ferragosto un albergo costa all'incirca 80-120 euro a notte mentre se provi a venire nel Salento nella settimana di ferragosto ad Alezio un garage adibito a casa costa 700-800 euro a settimana e stiamo parlando di 5Km dal mare non fronte mare

Notizie di oggi

  • Nardò

    Esplode il distributore di bibite: operaio 23enne in prognosi riservata

  • Attualità

    Parla il giovane autore del “controselfie” con Salvini: “Spero in un effetto virale”

  • Politica

    Vita nuova per i pendolari salentini: in arrivo i treni moderni e veloci di Fse

  • Attualità

    Classifica dei Comuni virtuosi ed efficienti: Lecce ancora in zona retrocessione

I più letti della settimana

  • Attacco allo stand della Lega nella piazza, ragazza contusa

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Esalta il fisico con gli abiti giusti

  • Malore improvviso, cameriere cade e batte la testa: in codice rosso

  • Intonano cori da stadio a Pescara, leccesi aggrediti. Uno accoltellato

  • In tre lo accerchiano sotto casa, commerciante pestato e rapinato

Torna su
LeccePrima è in caricamento