Fuori tempo non voluto: mostra personale di Corrado Pizzi

MOSTRA PERSONALE CORRADO PIZZI

POP – FUORI TEMPO NON VOLUTO

2 agosto - 18 agosto 2019

Museo Civico Emanuele Barba - Gallipoli



Dal 02 al 18 Agosto 2019 il Museo Civico di Gallipoli in collaborazione con Romano Galleria d’Arte ospiterà la mostra personale di Corrado Pizzi “Fuori tempo non voluto”, una mostra che coniuga la qualità museale con l’istanza commerciale della Pop Art.

Un museo abitato nel presente: la mostra raccoglie opere chiave di un analisi quotidiana a quello che è il mondo dell’arte e quanto possa questo avvicinarsi alla nostra storia.

“Fuori tempo non voluto” offre una ricca selezione di opere che parlano dei maggiori esponenti europei e americani del movimento pop che ha trasformato la quotidianità in un icona dell’arte.



“La mostra rappresenta un elemento di assoluta novità per il museo cittadino. Un evento importante che arricchisce la proposta culturale estiva e non solo. – afferma il Consigliere Antonio Faita, Presidente della Commissione Cultura. - Il museo, grande attrattore turistico, offre un valido, importante motivo per visitarlo: la storia che incontra il futuro, per una mostra, appunto, fuori dal tempo. È proprio questo il senso della mostra che coniuga arte e innovazione: nel contenitore “classico” per eccellenza si introduce una novità senza precedenti. Ed è proprio questo il motivo che ci ha spinto in questa direzione.”



La pop art diventa un poco meno “facile” e decisamente più concettuale. Lo stesso contesto del Museo, si trasforma e quella che è una balena senza vita è destinata a far riecheggiare il suo canto. Quella di Corrado Pizzi è un’arte che descrive, approfondisce e si alimenta al tempo stesso degli stili e degli stress del vivere odierno.



“La mostra personale di Corrado Pizzi rientra nelle attività di valorizzazione programmate nel Museo Civico. – dichiara la Direttrice del Museo, Paola Renna - Al fine di favorirne la promozione e la fruizione abbiamo voluto dare per due settimane, dal 2 al 18 agosto, un ruolo da protagonista ad un giovane artista della Pop Art che con le sue opere possa animare gli spazi dello storico Museo. Un ambiente privilegiato per sperimentare e potenziare nuovi modi di partecipazione dei privati alla vita delle Istituzioni.”



Ancora, Corrado Pizzi:


"La mia ricerca sulla perdita d' identità nella società contemporanea nasce dall‘osservazione del quotidiano e si evolve nel bisogno di ritornare alle emozioni. – dichiara l’artista Corrado Pizzi -

ll Museo Civico Emanuele Barba di Gallipoli che ospita la mia personale diventa il luogo di interazione emozionale. Sono proprio le suggestioni a riannodare le trame della nostra vita ridando senso agli incontri. Il luogo d' arte va inteso come luogo di ritrovo dell' anima.

Una costante, presente in tutti i miei lavori, è la figura umana che con la sua presenza assenza segna il ritmo frenetico della società. Le figure umane sono caratterizzate da un tratto sfuggente, non hanno un volto e non si incontrano quasi mai; esse vogliono rappresentare la solitudine e la spersonalizzazione dell’ uomo contemporaneo. I miei soggetti percorrono spazi museali e luoghi di cultura, una scelta quasi obbligata perché credo che l’arte possa essere uno strumento di consapevolezza dell’io.

La riflessione e la contemplazione all' interno di spazi d'arte diventano un mezzo di recupero di tempi e ritmi più lenti, necessari al raggiungimento di relazioni interpersonali gratificanti ed efficaci."







Corrado Pizzi nasce nel 1977 ad Altamura, in provincia di Bari. Dopo aver conseguito il Diploma al Liceo Artistico di Matera, prosegue i suoi studi all’Accademia di Belle Arti di Firenze, nel 2004 termina il suo percorso all’ Accademia di Belle Arti di Roma nella Sezione di Scenografia.

Vive e lavora a Roma. Dal 2007 è presente in numerose mostre in ambito nazionale ed internazionale.

La più grande ispirazione per la creazione del suo lavoro, ha trovato fondamento durante i viaggi che l'autore ha condotto nel corso degli anni che colgono in primo luogo l'introspezione dei paesaggi urbani. La sua ricerca artistica è volta a riportare su tela impressioni legate a questo impatto emotivo. Le figure umane che si muovono in tali paesaggi, si inseriscono con la loro evidente assenza o con la loro inaspettata presenza.

Corrado Pizzi vanta esposizioni a Shanghai, Londra, Barcellona, Milano, Torino, Pavia, Roma, Venezia e tanti nuovi progetti per il 2019.







L’inaugurazione della mostra si terrà il 02 Agosto 2019, alle 20.30 presso il Museo Civico, in occasione della quale si svolgerà un presentazione a ingresso libero.

Interverranno il Consigliere e Presidente della Commissione Cultura Antonio Faita, Paola Renna direttrice del Museo Civico, Giuseppe Metti docente di filosofia all’università degli studi di Lecce e Corrado Pizzi artista e autore delle opere in mostra.



L’esposizione al Museo civico sarà visitabile tutti i giorni incluso sabato e domenica dalle 18.00 alle 24.00



INFO: 0833 264224 – museoecultura@comune.gallipoli.le.it

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • "Lampante. Gallipoli città dell'Olio" al Castello di Gallipoli

    • dal 24 aprile al 3 novembre 2019
    • Castello
  • "La vita è una fiaba", la mostra di Luzzati al Museo Ebraico di Lecce

    • dal 26 giugno al 31 ottobre 2019
    • Museo ebraico
  • "Sguardi": la mostra di Omar Galliani

    • dal 14 settembre al 19 ottobre 2019
    • Must- Museo storico Città di Lecce

I più visti

  • Sagra del "porcu meu"

    • Gratis
    • dal 19 al 20 ottobre 2019
  • Visite guidate nel Parco Archeologico di Rudiae a Lecce

    • dal 15 luglio al 30 ottobre 2019
    • Parco archeologico Rudiae
  • "Lampante. Gallipoli città dell'Olio" al Castello di Gallipoli

    • dal 24 aprile al 3 novembre 2019
    • Castello
  • Salento on stage: danza

    • Gratis
    • dal 8 ottobre al 25 novembre 2019
    • Gold’s Gym di Carlo Parisi
Torna su
LeccePrima è in caricamento