La fabbrica del gol: il Lecce supera il Padova per 3 a 2 e si riporta al secondo posto

I giallorossi chiudono il primo tempo sul 2 a 0. Nella ripresa il calcio di rigore realizzato da Capello, la marcatura di Lucioni che ristabilisce le distanze e un nuovo penalty, trasformato da Bonazzoli nel recupero

Manuel Scavone esulta dopo il gol.

LECCE - Un Natale al secondo posto in classifica non lo avrebbe preventivato nessuno a fine agosto, ma il Lecce di Liverani, battendo il Padova per 3 a 2, ha regalato ai 12mila presenti al Via del Mare la soddisfazione di cullare sotto l'albero il sogno di un campionato da grande protagonista, oltre l'effetto sorpresa. La squadra giallorossa iscrive altri tre calciatori nell'albo dei marcatori stagionali: Scavone, Armellino e Lucioni hanno festeggiato, infatti, il primo gol in campionato portandone a 29 il numero complessivo (meglio solo il Brescia con 31).

Primo tempo

Senza il suo bomber La Mantia, fermato come del resto anche Pettinari da un virus intestinale, il Lecce ritrova Venuti e Calderoni sulle corsie laterali, vede un’altra conferma per Armellino dal primo minuto e schiera una coppia d’attacco di pesi leggeri, Falco e Palombi.

Al 9’ il Lecce passa in vantaggio: Petriccione appoggia su corner a Falco che mette al centro dell’area dove Scavone colpisce con perfetto tempismo e mette la sfera alle spalle di Merelli. I giallorossi controllano il match e raddoppiano al 28’ con Armellino: il centrocampista campano riceve palla qualche metro fuori dall’area di rigore, supera due avversari palla al piede e con il sinistro calcia a rete a filo d’erba, infilando il portiere degli ospiti.

Il Padova si rende pericoloso al 42’ con un tiro di Bonazzoli dal limite dell’area: una deviazione rende la parabola ancora più insidiosa, ma la sfera finisce in corner. L’attaccante dei biancorossi non demorde e nell’azione successiva conclude senza troppa fortuna sul fondo. Allo scadere della frazione, la punizione calciata da Mancosu termina oltre la traversa, i giallorossi escono dal campo tra gli applausi.

Secondo tempo

L'abbrivio della seconda frazione è senza grandi sussulti. Si arriva così al 59’ quando il tiro in diagonale di Palombi viene parato senza difficoltà da Merelli. Subito dopo Lepore prende il posto di Venuti, ancora non al massimo della condizione dopo lo stop di alcune settimane. Per il Padova entra Broh per Pinzi.

Al minuto 62’ Lecce vicino al terzo gol: sul tiro cross di Falco indirizzato sul palo più lontano, Scavone si lancia in scivolata ma non ci arriva di un soffio. Ottima chance per Falco al 66’: su cross di Calderoni una deviazione mette il numero 20 dei salentini in condizione di calciare un rigore in movimento, ma la conclusione di sinistro non è sufficientemente angolata. Invece di chiudersi, il match si riapre.

Rigore per il Padova al 68’ per un fallo di Meccariello su Broh: l’anticipo del difensore è pulito, ma il successivo contrasto, sul ritorno del calciatore patavino. viene sanzionato dal direttore di gara. Capello dal dischetto spiazza Vigorito ma il portiere del Lecce, un minuto dopo, si riscatta deviando in corner con un tuffo prodigioso un tiro dell’attaccante che aveva approfittato di un passaggio clamorosamente sbagliato proprio da Meccariello. È il momento più difficile per i padroni di casa. 

La sofferenza dura lo spazio di un capovolgimento di fronte: Palombi si conquista un calcio d’angolo, sui cui sviluppi Calderoni rimette al centro rasoterra trovando Lucioni che gira in porta: gli ospiti accennano qualche timida protesta per la posizione del centrale del Lecce che ritengono irregolare. Liverani manda in campo Haye per Mancosu al minuto 80 e all’82’ Bovo per Scavone, con il difensore che va a schierarsi al posto del compagno, a centrocampo.

Nel primo minuto di recupero un altro penalty per gli ospiti: Bonazzoli si incrocia con Lepore e rovina a terra, Volpi non ha dubbi e concede la massima punizione, ma il difensore del Lecce ne ha molti di più, sostenendo di non aver nemmeno toccato l'avversario. L'attaccante non sbaglia, ma è davvero l'ultimo sussulto di una gara che il Lecce vince meritatamente, conquistando il secondo posto in classifica. Il Lecce osserverà il tuno di riposo nella prossima giornata, quella infrasettimanale, e disputerà a La Spezia, il 30 dicembre l'ultima partita del girone di andata.

Il tabellino di Lecce-Padova 3 a 2

LECCE (4-3-1-2): Vigorito; Venuti (60’ Lepore), Meccariello, Lucioni, Calderoni; Armellino, Petriccione, Scavone (82’ Bovo); Mancosu (cap.) (80’ Haye); Falco e Palombi. A disposizione: Bleve, Cosenza, Arrigoni, Torromino, Marino, Dubickas, Tsonev, Tabanelli, Fiamozzi. Allenatore: Liverani

PADOVA (4-4-2): Merelli; Salviato, Capelli, Trevisan (cap.), Ceccaroni; Mazzocco (73’ Pulzetti) Serena (88' Marcandella), Pinzi (60’ Broh), Contessa; Bonazzoli, Capello. A disposizione: Perisan, Favaro, Minesso, Zambataro, Belinghieri, Cisco, Vogliaccio, Chinellato, Clemenza. Allenatore: Foscarini

Marcatori: 10’ Scavone, 28’ Armellino, 69' Capello (rig.) 71’ Lucioni,  90+2 Bonazzoli (rig).

Ammoniti: 40’ Trevisan, 64’ Scavone, 90 + 2 Lepore

Arbitro: Volpi di Arezzo; assistenti: Raspollini di Livorno, Mokhtar di Lecco; quarto ufficiale: Camplone di Pescara

Spettatori 12112 di cui 5118 paganti e 6994 abbonati

La 17esima giornata

Risultati: Ascoli-Brescia 1 a 1; Cremonese-Carpi 1 a 2; Livorno-Verona 0 a 0; Salernitana-Foggia 1 a 0; Venezia-Cosenza 0 a 1; Lecce-Padova 3 a 2; Cittadella-Perugia 2 a 1; Spezia-Palermo 1 a 1; Benevento-Crotone 3 a 0

Classifica: Palermo 31; Lecce 29; Brescia 28; Cittadella, Verona e Pescara 26; Benevento 25; Perugia e Salernitana 23; Spezia 22;  Ascoli 21; Venezia 20; Cremonese 19; Cosenza 18; Carpi 16; Crotone 13, Foggia 12; Livorno e Padova 11

Segui la tua squadra in diretta streaming su DAZN.
Il primo mese è GRATIS!

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (14)

  • grazie Liverani che come al solito non hai rovinato la partita con delle sostituzioni assurde

  • Nonostante gli arbitri siamo secondi , andiamo da soli , siamo più forti abbiamo dominato per tutta la partita , quindi non ce ne frega niente , andiamo per la nostra strada senza paura e timore di niente e nessuno . Noi leccesi ce ne fottiamo caratterialmente ,vinceremo comunque perché giochiamo a calcio .

  • Rigori scandalosi al via del mare. Inesistenti sia il primo (Meccariello è stato spinto) sia il secondo (Bonazzoli è caduto da solo}. Cmq Grande Lecce, forza ragazzi che è ancora lunga

  • Proprio recentemente la società si è fatta sentire. Sia Sticchi Damiani che è parte della Federazione sia Liguori, ma la situazione sembra addirittura peggiorata. Qui c'è proprio la malafede. Non si tratta di errori ormai, qui c'è proprio il dolo. Bisognerebbe andare un poco a indagare e controllare la Federazione Arbitri e vedere se c'è qualcosa da ripulire. Perchè al pari di Pescara questa partita è stata una vergogna e una pagliacciata. Ormai lo fanno senza manco nascondersi non c'è più dignità. Stranamente la partita è finita con uno dei risultati migliori.... per gli scommettitori. Andate a controllare che c'è puzza lontano un miglio.

  • si puo' essere sportivi e civili quanto si vuole ma l'arbitro di oggi sarebbe stato come minimo da aspettarlo fuori x farci due chiacchiere fermo restando che in serie a diamo fastidio e questo dopo il 2011 era scontatissimo adesso si vede se la societa' ha fatto i passi avanti che ha fatto la squadra tirando fuori gli attributi e non porgendo sempre l'altra guancia

  • Se dopo aver alzato la voce abbiamo questi scarsi arbitraggi, forse e' meglio star zitti.

  • Cosa dire ? Grande Lecce. Non era scontata la vittoria ma è arrivata con autorevolezza nonostante le imprecisioni arbitrali che a questo punto sono fin troppe. La vittoria di oggi significa che questo Lecce è di livello ben superiore. Forza ragazzi e Buone Feste. Vinciamo la prossima !

  • La società deve far sentire la propria voce, quando gli errori arbitrali si ripetono puntualmente vuol dire che c'è sotto qualcosa di poco chiaro. Lecce immenso!!!

    • ma quali erro ed errori non scendiamo dal Pero. La seconda in classifica contro l'ultima in classifica RISULTATO FINALE 3-2. MA SAI QUANTO ERA QUOTATA ALLA SNAI??? ma quali errori su.

  • La mia impressione è che quest'anno stiamo dando fastidio a più di qualcuno di conseguenza vengono queste decisioni arbitrali assurde... ora però basta perché iniziano davvero ad essere troppe e spudorate!!! FORZA LECCE, forza ragazzi, il nostro primo e principale obiettivo stagionale è vicino!!!

    • anche a lei dico, non cerchiamo sempre il grande complotto. Se tratta sempre de sordi. La seconda in classifica contro l'ultima in classifica RISULTATO FINALE 3-2. vada a vedere quanto quotava il risultato.

      • Io purtroppo di scommesse non capisco nulla, però se pensa che è una combine( e non è l'unico a pensarla così), siamo arrivati alla frutta. Sinceramente però mi sembra un po' esagerata come ipotesi.

  • Ottimo Lecce che ha vinto anche contro questo arbitro che si é inventato soprattutto il secondo rigore. Spero che la sua direzione di gara sia dettata dall'incompetenza e non da altri fattori, altrimenti significherebbe che in serie A non ci vogliono.

  • Due sole parole: grande Lecce.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    In tre lo accerchiano sotto casa, commerciante pestato e rapinato

  • Cronaca

    Fiamme nella lavanderia del b&b, attimi di paura nel centro storico

  • Politica

    Albanese, donna, progressista. Dopo gli insulti, rilancia: "C'è un'Italia migliore"

  • Politica

    Esposto contro Tap a firma di senatori e deputati: "Garantire il diritto all'ambiente"

I più letti della settimana

  • Attacco allo stand della Lega nella piazza, ragazza contusa

  • Oltre 1 chilo di cocaina, arrestato il fratello del boss del clan "Vernel"

  • Esalta il fisico con gli abiti giusti

  • Far West vicino alla banca: spari in aria, rapinati 35mila euro

  • Intonano cori da stadio a Pescara, leccesi aggrediti. Uno accoltellato

  • Malore improvviso, cameriere cade e batte la testa: in codice rosso

Torna su
LeccePrima è in caricamento