rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024

Il santo patrono svetta di nuovo sulla città: la statua, benedetta, posizionata sulla colonna

Una folla di leccesi e turisti ha riempito piazza Sant'Oronzo ha assistito alla collocazione della statua di Sant'Oronzo sul capitello romano. La precedente, in pessime condizioni, era stata rimossa nel 2019 ed è ora esposta a Palazzo Carafa

LECCE – In una piazza praticamente gremita, la statua di Sant’Oronzo, dopo la benedizione dell’arcivescovo, Michele Seccia, è stata collocata sulla colonna romana dalla quale la precedente era stata rimossa nel gennaio del 2019 a causa delle pessime condizioni in cui gli agenti atmosferici l’avevano ridotta.

Dopo l’accurato restauro ne era stata sconsigliata la ricollocazione, proprio perché i materiali interni (legno e ferro) sono comunque compromessi e per questo l’esposizione al coperto appare la soluzione di maggiore buonsenso e logica conservativa. Di conseguenza si è deciso di procedere con una copia, che in maniera più specifica il professor Raffaele Casciaro di Unisalento, consulente scientifico dell'amministrazione, ha definito “traduzione”: il materiale è molto più resistente, dalle lamine di rame, infatti, si è passati al bronzo.

Le operazioni di posizionamento della statua arrivata giovedì con un trasporto eccezionale da Nola, dove è stata realizzata dai maestri della Fonderia Nolana Del Giudice, non sono state semplici, perché si è dovuto tenere conto della brezza di tramontana che sta soffiando sulla città: la statua, in bronzo, pesa una tonnellata e 300 chilogrammi ed è alta quanto la precedente, oltre cinque metri.

Il sindaco, Carlo Salvemini, aprendo la cerimonia che è stata accompagnata dalla Banda Città di Lecce, ha ricordato l’importanza di questa giornata per tutta la comunità cittadina, al di là delle divergenze e delle opinioni personali che non mancheranno mai di accompagnare le vicende leccesi.

Si parla di

Video popolari

Il santo patrono svetta di nuovo sulla città: la statua, benedetta, posizionata sulla colonna

LeccePrima è in caricamento