In tre armati di pistola rapinano il furgone fast-food: via su una Golf con 400 euro

Il colpo nelle ultime ore, ai danni di un venditore ambulante di Martano. Sono fuggiti in direzione di Soleto e ora sono ricercati dai carabinieri

Foto di repertorio

MARTANO – Ignoti mettono a segno una rapina ai danni del furgoncino per la vendita dei panini. L’episodio nella notte, poco prima che l’attività ambulante chiudesse i battenti, a Martano. In due, entrambi coperti da cappucci e passamontagna, si sono infatti presentati presso il fast-food: uno era persino armato di pistola, non è dato sapere se giocattolo o autentica.

Immobilizzato il proprietario del camion, allestito per il commercio di cibi e bevande, la coppia di malviventi si è impossessata del registratore di cassa, appoggiato sul banco e contenente una somma di circa 400 euro in contanti. Arraffati i soldi, sono poi fuggiti a bordo di una Volskwagen Golf, condotta da un terzo complice, per poi dileguarsi lungo le vie limitrofe.

Alcuni testimoni, i quali hanno annotato il modello dell’autovettura utilizzata dalla banda, li avrebbero visti scappare in direzione della strada provinciale  48, che conduce a Soleto. Sul posto, negli istanti successivi al colpo, i carabinieri della stazione locale e i colleghi del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia magliese. I militari dell’Arma hanno avviato l’attività investigativa, anche sulla scorta delle indicazioni fornite dai presenti e dalla stessa vittima dell’ennesima rapina ai danni di un venditore ambulante.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Droga ed estorsioni, maxi operazione della polizia: 72 ordinanze

  • Agguato in autostrada ai tifosi del Lecce: un mezzo dato alle fiamme

  • Riti di affiliazione mafiosa e mire del clan su concerti e bische. "La Scu è ancora viva"

  • Malore alla guida, schianto sullo spartitraffico: 25enne in codice rosso

  • Due sinistri di ritorno dal mare: un uomo deceduto, l’altro gravemente ferito

  • Covid-19, chi rientra dalle zone colpite deve comunicarlo ai sanitari

Torna su
LeccePrima è in caricamento