menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La caserma di Taviano.

La caserma di Taviano.

Invita ragazzini al bar senza svelare l’età: rischia linciaggio ed estrae coltello

Parapiglia, nella tarda serata di ieri, a Mancaversa. Un turista barese ha rischiato il linciaggio da parte dei presenti che hanno temuto un adescamento. Si indaga

MANCAVERSA (Taviano) – Scoppia il parapiglia nel centro di Mancaversa. Un uomo della provincia di Bari, sulla cinquantina, è stato accompagnato in caserma nella serata di ieri, al termine di un violento litigio che ha rischiato di sfociare in linciaggio. L’uomo, secondo una prima ricostruzione, ancora frammentaria e incerta, avrebbe contattato via Facebook tre, quattro adolescenti, invitandoli a bere qualcosa in uno dei bar della marina di Taviano.

Gli amici, tra i quali anche una ragazzina, erano però già piuttosto sospettosi, da quanto si apprende. Essendo l’appuntamento in centro, alla vista della vera età dell’uomo, che lui non aveva svelato in chat, hanno segnalato la cosa ai propri parenti. I famigliari dei ragazzini, infatti, in vacanza assieme a loro, si trovavano in zona, sulle panchine del centro della località turistica. Alla vista del padre di uno degli adolescenti, però, l’uomo avrebbe tirato fuori un coltello, minacciandolo. E’ scoppiato il parapiglia e, insinuazione dopo insinuazione, il 50enne ha rischiato il linciaggio da parte dei presenti. Tanto che, sul luogo, è stato anche fatto intervenire il 118, per paura che qualcuno potesse essersi fatto male.

Soltanto l’intervento dei carabinieri della stazione di Taviano ha evitato che la situazione degenerasse. Il turista barese è stato identificato dai militari e ascoltato per cercare di chiarire l’accaduto. Tolto il possesso del coltello e della presunta minaccia, non avrebbe però commesso altri reati. I testimoni hanno temuto che volesse adescare i ragazzini, ma né in chat, né nella serata di ieri, l’uomo avrebbe espresso intenzioni simili. La vicenda è dunque delicata e potrà essere ricostruita soltanto in un secondo momento, quando gli inquirenti avranno terminato l’ascolto di tutti i coinvolti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento