Domenica, 25 Luglio 2021
Sagre

Birra e Sound, decima edizione: sette giorni di festa dedicati al “re della pizza”

La manifestazione per gli amanti del buon bere, in programma a Leverano dal 29 luglio al 4 di agosto e ricorda Franco Zecca, il maestro della gastronomia salentina, scomparso a giugno. Sul palco Roy Paci, Salmo, gli Opa Cupa e tanti altri artisti.

Franco Zecca in una delle passate edizioni di Birra e Sound.

LECCE – Le polemiche sono già alle spalle ed è già conto alla rovescia per Birra e Sound – Mebimport Beer Festival. Per una settimana intera, su oltre 30mila metri quadrati di spazio espositivo, gli appassionati della birra potranno degustare oltre cento tipologie diverse, con grande attenzione alla produzioni artigianali. La manifestazione, quest’anno giunta alla decima edizione, è in programma a Leverano dal 29 al 4 di agosto: ai boccali che scorreranno a fiumi si affiancherà anche la gastronomia tradizionale, con due novità: lo “street food” e l’area riservata all’alimentazione senza glutine.

Due i palchi sui quali si esibiranno ogni sera artisti e gruppi diversi: confermata la presenza di Roy Paci, il trombettista e compositore che aveva ritirato in un primo momento la propria disponibilità ritenendola incompatibile con la presenza tra gli sponsor di Tap, il consorzio internazionale che intende costruire il gasdotto con approdo sulle coste del Salento. L’organizzazione, d’intesa con l’azienda, ha poi deciso di annullare la partnership commerciale. Tra gli altri, il 29 si esibirà Salmo, il 30enne proveniente dal filone dell’hardcore che ha allargato i confini del rap in Italia contaminandolo con l’elettronica. Il giorno successivo la scena sarà appannaggio del funk dei Bundamove, il 31 toccherà a Roy Paci e il 2 agosto agli Opa Cupa.

Birra e Sound quest’anno è interamente dedicata al “re” di Leverano Franco Zecca, il maestro dell’arte culinaria scomparso l’8 giugno all’età di 75 anni. In Germania, dove era emigrato, stese nel 1972 una pizza dal diametro di 4 metri ma la sua abilità in cucina spaziava in tutto il repertorio della tradizione gastronomica salentina. Il patron della manifestazione e di Mebimport, Maurizio Zecca (il secondo da zecca_mebimport-2destra nella foto), ha letto con commozione un messaggio dedicato a colui che a Leverano e non solo era considerato un autentico mito, espressione dell’anima locale, dedita al lavoro, alla famiglia ma portatrice anche di quello spirito pionieristico capace di creare le condizioni per la crescita economica del territorio.

Alla conferenza stampa hanno partecipato anche Massimiliano D’Angela, assessore del Comune di Leverano, Davide Zingarelli dell’azienda Solaramà, Luigi De Bellis, docente dell’Università del Salento e responsabile del progetto sperimentale di coltivazione dell’orzo nei campi una volta sede di vigneti.

L’obiettivo è di produrre in loco la materia prima per la birra artigianale. Presente anche Ugo Baghella, in rappresentanza dello staff di Lecce 2019, impegnato nel rush finale per la presentazione del dossier conclusivo alla commissione che attribuirà il titolo di Capitale europea della cultura: in corsa ci sono anche Perugia-Assisi, Matera, Ravenna, Siena e Cagliari. Birra e Sound ha deciso di destinare una quota di ogni consumazione di birra al progetto di ristrutturazione di un edificio per persone senza dimora che Lecce 2019 sta realizzando nel capoluogo. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Birra e Sound, decima edizione: sette giorni di festa dedicati al “re della pizza”

LeccePrima è in caricamento