rotate-mobile
Green Calimera

Salvare la biodiversità e riforestare il Salento: da un protocollo d’intesa ecco le “Vie dei boschi”

Un accordo sarà sottoscritto da una cooperativa, associazioni e le amministrazioni comunali di Calimera, Martano, Carpignano Salentino e Melendugno per preservare il territorio anche attraverso nuvoe piantumazioni

CALIMERA – Il Salento aggiunge un altro piccolo tassello al mosaico delle proprie geografie "green". Nella mattinata di oggi, nel Museo di storia naturale di Calimera, sarà infatti presentato il progetto per la realizzazione delle cosiddette “Vie dei boschi”, proposta dalla cooperativa sociale Naturalia. Un protocollo d’intesa sarà sottoscritto da diverse associazioni e da alcune amministrazioni comunali del territorio - tra le quali Calimera, Melendugno, Martano e Carpignano Salentino - per promuovere la tutela del prezioso ecosistema locale e spingere sulla riforestazione dell’area.

“Vie dei Boschi” è un progetto che intende preservare il territorio da ulteriori danneggiamenti, un'iniziativa ad "alto impatto ambientale" l'hanno definita i suoi promotori. Nell'idea previsti anche il recupero e la valorizzazione dell’attrattività turistica attraverso attività di riforestazione partecipata, la fruibilità lenta ed ecosostenibile, la valorizzazione delle architetture rurali presenti. Decisivo anche l’apporto inclusivo e digitale, grazie alla realizzazione di una rete condivisa di sentieri consultabile con mappe escursionistiche digitali interattive e cartacee.

Collaborazione attivata con la firma del Protocollo d’intesa tra i Comuni di Calimera, Carpignano Salentino, Martano, Melendugno e la cooperativa sociale Naturalia, le associazioni Fare Progetto Terra, Radici Urbane, Associazione Micologica Bresadola di Galatina impegnate sul territorio per preservare la biodiversità delle agroforeste esistenti e intenzionate a ripristinare la coesistenza di specie boschive, frutteti e  macchia mediterranea, incentivando nuovi spazi di  piantumazione.

 Interverranno i rappresentanti delle associazioni coinvolte, Antonio Durante e Samuele Tommasi per la Cooperativa sociale Naturalia e per il Museo di Storia Naturale del Salento, i Sindaci: Gianluca Tommasi del Comune di Calimera, Fabio Tarantino del Comune di Martano, Maurizio Cisternino del Comune di Melendugno e Mario Bruno Caputo del Comune di Carpignano Salentino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salvare la biodiversità e riforestare il Salento: da un protocollo d’intesa ecco le “Vie dei boschi”

LeccePrima è in caricamento