Sabato, 31 Luglio 2021
Elezioni Comunali 2012: Provincia di Lecce

Ex Distilleria De Giorgi, Raffaele Capone accusa: “Solo marketing elettorale”

Il candidato sindaco del centrodestra di San Cesario di Lecce sottolinea come il giardino sia stato aperto per il concerto del 1° maggio solo grazie alle associazioni Variarti e Follemente: “il comune doveva acquistare il bene”

SAN CESARIO DI LECCE - “Sento il dovere di fare i miei più sinceri complimenti ai componenti delle associazioni Variarti e Follemente, nelle persone dei loro presidenti, Fabio Lezzi e Antonio Rollo, per aver organizzato, da soli, l’evento del 1° maggio all’interno del giardino della ex distilleria De Giorgi, loro concesso per l’occasione dalla Fondazione Semeraro”. Con queste parole, il candidato sindaco di Futuro in corso, a San Cesario, Raffaele Capone saluta il risultato della manifestazione, tenutasi ieri.

Tuttavia, non mancano le polemiche: “Trovo davvero disdicevole – sottolinea - il tentativo degli amministratori uscenti di intestarsi il merito della organizzazione e realizzazione dell’evento. I locali della ex distilleria sono, infatti, ancora di proprietà della Fondazione Semeraro, non essendosi perfezionato l’atto di donazione di parte della superficie. Inoltre, l’apertura del giardino in occasione del 1° maggio grazie al lavoro degli amici di Variarti e Follemente ha reso ancor più evidente, ove ce ne fosse bisogno, che l’amministrazione comunale per quella cifra avrebbe dovuto acquistare l’immobile e non lasciare che fossero altri ad acquistarlo”.

Capone spiega come la Fondazione Semeraro, che pure ha manifestato l’intenzione di donare al Comune parte del diritto di superficie, “di fatto manterrà una sorta di diritto di veto sull’utilizzo e la gestione dell’immobile”: “Perciò – precisa - ci auguriamo che, divenuti amministratori e dopo che avremo investito tanti soldi pubblici per il recupero dell’immobile, com’è nostra intenzione, la Fondazione Semeraro, pur essendo soggetto economico privato che legittimamente investe per ricavare utili, manifesterà verso la nuova amministrazione la stessa disponibilità”.

“Ricordare ciò – insiste - non significa disprezzare l’impegno della famiglia Semeraro, ma solo evidenziare come, con un investimento tutto sommato modesto, il Comune di San Cesario sarebbe potuto divenire davvero proprietario della ex distilleria e come quello di Girau e Romano in questi giorni sia solo volgare marketing elettorale”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex Distilleria De Giorgi, Raffaele Capone accusa: “Solo marketing elettorale”

LeccePrima è in caricamento