menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Asl invita all’uso della mascherina con la campagna “Ma cce te costa”

L'idea di due studenti, Colonna e Cavallo, per parlare ai giovani in modo semplice e accattivante. Lo scopo: promuovore il corretto utilizzo del dispositivo per proteggersi dal Covid-19

LECCE – Il corretto uso della mascherina è fondamentale per sconfiggere la trasmissione del virus: un concetto noto a tutti, ma che occorre ribadire. Per questo la Asl di Lecce ha deciso di lanciare una campagna di comunicazione simpatica e che adotta un linguaggio disinvolto per avvicinare i più giovani.

“Ma cce te costa” è il titolo dialettale scelto dagli esperti di marketing e sono 4 le immagini scelte per catturare l'attenzione dei passanti e che si rifanno all'uso del dispositivo di protezione individuale nelle occasioni più comuni della vita quotidiana: la visita ai parenti, agli amici, la spesa in un negozio.

La campagna sarà pubblicata sul portale istituzionale della Asl di Lecce e sulla pagina facebook. L'augurio dell'azienda sanitaria è che “diventi virale e che sia condivisa il più possibile”.

La campagna è stata donata da due giovani salentini, Alessandro Colonna 25 anni studente di marketing e Riccardo Cavallo 23 anni grafico, che hanno pensato di mettere a disposizione un'idea per raggiungere con parole semplici, schiette e chiare i propri coetanei.

“Abbiamo deciso di donare questa campagna all'Asl di Lecce perché amiamo la nostra terra ed abbiamo a cuore la salute dei nostri cari e amici – hanno spiegato loro -. A distanza di un anno della pandemia, ci siamo accorti che esiste ancora gente che sottovaluta la situazione e non rispetta le regole. Perciò da questo problema è nata la voglia di creare qualcosa di simpatico per comunicare a tutti, e soprattutto ai nostri coetanei, di continuare a indossare la mascherina: perché in fondo è un gesto semplice ed efficace e non costa davvero nulla. Noi giovani dobbiamo essere i primi a avere più accortezze, perché oltre a noi stessi bisogna preservare le persone più grandi”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento