menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
In foto: la nuova sede del 118 di Copertino

In foto: la nuova sede del 118 di Copertino

Taglio del nastro per il 118 di Copertino: "Una nuova sede confortevole"

Inaugurata la struttura dell'ospedale che prevede anche un accesso differenziato per la svestizione del personale sanitario e per ridurre il rischio di contagio da Covid-19

COPERTINO – Taglio del nastro per la nuova sede del servizio di emergenza-urgenza dell'ospedale di Copertino. L'inaugurazione si è tenuta questa mattina presso il “San Giuseppe da Copertino” che potrà avvalersi, quindi, di una postazione medicalizzata nuova di zecca e confortevole, sia per gli operatori sanitari sia per gli utenti che si rivolgono al 118.

La nuova sede vedrà in servizio medici, infermieri, operatori socio-sanitari e autisti: professionisti specificatamente formati e di esperienza, con cui la Asl Lecce doterà di una sede funzionale un servizio che costituisce un valore aggiunto per l’ospedale e per l’intero territorio. Alla cerimonia hanno partecipato il direttore del servzio 118 Maurizio Scardia, il direttore medico dell'ospedale di Copertino, Cosimo Longo, il coordinatore Antonio Colì e tutti i lavoratori della postazione Mike 118 Copertino. 

Il video del taglio del nastro

“Questo è un progetto che stiamo coltivando da tempo e oggi, finalmente, abbiamo la possibilità di disporre di una sede del 118 con un'efficienza eccezionale e ambienti ospitali sia per i soccorritori, sia per chi arriva con l'ambulanza – ha commentato Scardia -. La postazione rappresenta un valore aggiunto non solo per l'ospedale, ma per l'intero territorio di Copertino”.

“Avevo in mente una struttura del genere appena mi sono insediato in questo presidio ospedaliero – ha aggiunto Cosimo Longo – anche perché prima esistevano delle difficoltà che si complicavano con le piogge abbondanti o addirittura con la neve, durante la stagione invernale”.

“La nuova sede invece è confortevole sotto tutti i punti di vista per gli operatori, considerato anche il ristoro che potranno avere nei momenti di pausa – ha proseguito Longo -. Peraltro è previsto un secondo ingresso, in virtù dell'emergenza Covid-19, che consentirà al personale di spogliarsi dei dispositivi e fare una doccia prima di riprendere servizio”.

“Quest'accesso è stato progettato nell'interesse di pazienti e degli stessi operatori che devono poter disporre dei dispositivi di sicurezza individuale ma devono anche saperli gestire nel modo migliore possibile, curando in particolare il momento della svestizione”, ha concluso Antonio Colì.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento