rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Scuola Alessano

Rapporto tra Italia e Somalia: l'istituto "Salvemini" di Alessano ospita la scrittrice Igiaba Scego

Il 26 maggio l’autrice del libro “Cassandra a Mogadiscio” porterà la testimonianza di una famiglia, la sua, in mezzo alla storia dei due Paesi. L’evento è organizzato dall’associazione ricerca e informazione sociale Salento aps, nell’ambito del Festival Narrazioni con la collaborazione del Csv Brindisi-Lecce

ALESSANO - Domani, 26 maggio alle ore 10.30, sarà una giornata davvero speciale per gli studenti dell’istituto statale di istruzione superiore “G.Salvemini” di Alessano e per la dirigente scolastica Chiara Vantaggiato, che ha fortemente sostenuto l’iniziativa.

Igiaba Scego autrice del libro “Cassandra a Mogadiscio”, edito dalla Bompiani e candidato al Premio Strega 2023, illustrerà attraverso la sua opera una scommessa, un ponte, una storia.

È il racconto di un Paese, la Somalia, stravolto dalla guerra e osservato dai media occidentali con un retrogusto di compatimento. Quella di Igiaba è una finestra che rispolvera storie e dinamiche sociali, indagando sul legame coloniale tra i due Paesi Italia-Somalia, sull’uso della lingua e sui traumi provocati dalla migrazione e dalla fuga durante gli scontri che incendiarono Mogadiscio durante gli anni ’90 e mai del tutto spenti.

Una vicenda autobiografica che fa in realtà memoria collettiva, recuperando le testimonianze di chi è stato privato del proprio passato; e questa operazione Igialba la fa  sotto forma di un racconto epistolare indirizzato alla nipote.

L’evento si incasella bene con lo spirito culturale e sociale del Festival Armonia. Narrazioni in Terra d'Otranto di Idrusa Libreria, associazione culturale NarrAzioni, e rientra nel progetto “Il futuro si chiama donna, parole e pratiche di genere” dell’associazione Riss (Ricerca e informazione sociale Salento aps) premiato dal bando Futura della Regione Puglia. 

“Obiettivo di questo progetto è quello di promuovere la cultura della parità nel mondo lavorativo, associativo, culturale e non solo - spiega Antonella Nicolì di Riss aps - incentivando la presenza delle donne nelle organizzazioni e nelle azioni".

"La testimonianza di Scego aiuta le nuove generazioni a trovare soluzioni per ridurre le cause culturali e sociali di discriminazione e odio di genere, promuovendo un linguaggio inclusivo e spolverato dalle dinamiche sessiste.”

L’incontro è tappa di un percorso che maturerà sino a settembre ed è termine di un lavoro di classe che il Salvemini ha svolto attraverso la professoressa Valeria Bisanti, referente del Centro per il libro e la lettura e del maggio di libri all’interno dell'istituto.
    

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapporto tra Italia e Somalia: l'istituto "Salvemini" di Alessano ospita la scrittrice Igiaba Scego

LeccePrima è in caricamento