rotate-mobile
Progetto da 950 mila euro / Nardò

Nardò ritrova il suo tempio della cultura: riapre la biblioteca comunale “Vergari”

Venerdì l’inaugurazione del centro culturale chiuso da tempo per i lavori di ristrutturazione e ammodernamento con nuovi servizi innovativi e digitali e la novità de “giardino dei lettori”. Custoditi oltre 75mila volumi

NARDO’ – Riapre i battenti dopo una lunga attesa la biblioteca comunale “Achille Vergari” di Nardò ristrutturata in chiave moderna, con nuovi servizi innovativi e la novità de “giardino dei lettori”. 

Sono finiti, infatti, i lavori previsti dal progetto della nuova biblioteca diffusa di comunità e innovazione, finanziato con 950 mila euro dall’avviso pubblico Smart In Community Library della Regione Puglia. Si tratta di interventi sia di recupero, ristrutturazione, riqualificazione e ammodernamento, sia di innovazione tecnologica, valorizzazione e fruizione del centro culturale neretino

L’inaugurazione, in piazzetta biblioteca, è in programma venerdì, 22 settembre, alle 18:30. Interverranno, tra gli altri, il sindaco Pippi Mellone, l’assessore alla Cultura e istruzione, Giulia Puglia, il presidente della Provincia di Lecce Stefano Minerva, il senatore Roberto Marti  in qualità di presidente della Commissione Cultura e Istruzione del Senato.

“È stato un intervento lungo e compless, ma ne è valsa la pena, perché consegniamo alla città un autentico gioiello. La gloriosa biblioteca Vergari torna a vivere con un volto e un’anima moderni, con servizi innovativi, con spazi e funzioni nuove” spiega il primo cittadino Mellone, “sarà un luogo per leggere, per incontrarsi e confrontarsi, per crescere. Abbiamo fatto tesoro del finanziamento di quasi 1 milione di euro, che con il solito lavoro di squadra abbiamo portato a casa e dedicato alla nuova vita di questo luogo storico della città, a cui tutti siamo affezionati”.

È stato dunque radicalmente trasformato quello che, dal 1895, è il punto di riferimento culturale della comunità neretina (con un patrimonio librario di oltre 75 mila volumi). Il primo tipo di interventi sulla struttura, progettati dall’ingegnere Alberto Antico e dall’architetto Egidio Muci, ha portato al ripristino dei prospetti esterni, al risanamento delle murature interne, alla sostituzione della pavimentazione e degli infissi, alla revisione e alla manutenzione di tutti gli impianti e soprattutto alla sistemazione del giardino interno, con la riqualificazione del verde e la creazione di un nuovo spazio aggregativo.

Quest’ultimo intervento, novità assoluta nella vita della biblioteca, darà il senso della “community”, della biblioteca di comunità, orientata a diventare un presidio di partecipazione e coesione culturale.

“Possiamo annunciare con soddisfazione e un pizzico d’orgoglio che la Vergari è diventata finalmente una biblioteca moderna, con servizi innovativi e con uno spazio all’aperto, il giardino, molto intrigante e utile” dice l’assessora alla Cultura, Giulia Puglia, “è nato un luogo che la città non aveva, cioè una biblioteca dinamica, aperta alla comunità e fortemente attrattiva soprattutto per i giovani, angolo di lettura e studio, ma anche di scambio interculturale. Oltre ai libri, riempiremo la biblioteca di contenuti, di eventi e attività per tutti, dai bambini agli anziani”.

Ripensati gli interni della struttura, al fine di ottimizzarne l’operatività e di accogliere efficacemente i nuovi servizi. Gli investimenti in tecnologie dell’informazione e comunicazione (tavoli interattivi, totem multimediali, sistema di digital signage, postazioni informatiche e wi-fi, cuffie wireless), poi, consentiranno di promuovere l’accesso al patrimonio culturale, abbattendo le barriere alla fruizione.

Il secondo tipo di interventi, sui contenuti, invece, ha riguardato la creazione, l’ampliamento e il rafforzamento di alcune sezioni tematiche della biblioteca, la digitalizzazione di una parte dei volumi, la creazione di una nuova identità, smart e friendly, con l’acquisizione di un logo e di un’identità grafica unitaria, infine la creazione di un sito web e di un’app che faciliteranno l’interazione con gli utenti.

L’altra, grossa, novità nella vita della “Vergari” sarà la gestione mista tra pubblico e privato, con l’affidamento dei servizi di valorizzazione, gestione, apertura al pubblico e fruizione a Miriade srls che, nel dettaglio, si occuperà delle operazioni di apertura e chiusura della struttura, della gestione e cura del patrimonio librario, dell’assistenza agli utenti, dell’organizzazione di specifiche attività, laboratori, incontri, rassegne, eventi dedicati alla lettura, alla scrittura e alla formazione, della gestione di un angolo bar, della gestione del “Giardino dei lettori” (che ospiterà letture collettive, incontri e altre iniziative).

Una parte dei servizi della biblioteca, caratterizzati da un profilo più innovativo, è stata affidata a Komedia srl e riguarderà attività di gamification, letture animate, laboratori di graphic novel e attività formative per alfabetizzazione informatica e creatività grafica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nardò ritrova il suo tempio della cultura: riapre la biblioteca comunale “Vergari”

LeccePrima è in caricamento