rotate-mobile
“Gloria al cibo”

Opinioni

“Gloria al cibo”

A cura di Gloria Cartelli

Mi chiamo Gloria, ho 34 anni e vivo a Lecce. Sono biologa nutrizionista, laureata in biotecnologie industriali presso l’Università degli studi di Pavia nell’aprile 2012. Studiando le biotecnologie agroalimentari mi sono appassionata di nutrizione e così ho proseguito i miei studi a Milano per frequentare un master in Nutrizione umana. Nel 2013 sono rientrata nella mia città d’origine, Lecce, in cui svolgo tutt’ora la libera professione in uno studio medico associato. Elaboro terapie alimentari personalizzate e i miei pazienti includono bambini di età scolastica ad adulti e sportivi. Aiuto e coinvolgo i miei pazienti a recuperare il naturale peso forma e al mantenimento del proprio stato di benessere attraverso una sana educazione alimentare. Il raggiungimento degli obiettivi si realizza attraverso un’attenta analisi dei bisogni nutritivi ed energetici del paziente che viene seguito, incontrato periodicamente nel mio studio e supportato emotivamente per il raggiungimento dei propri risultati. L’obiettivo è fornire una consulenza nutrizionale su misura, dettata in base alle caratteristiche specifiche del paziente quali l’età, le abitudini di vita e che sia personalizzata nel tempo

“Gloria al cibo”

Proprietà della pesca, un frutto estivo antiossidante

Le pesche sono tra la frutta estiva più gradita, fanno bene al cuore, alla pelle e all’intestino. Inoltre drenanti e disintossicanti, sono ricche di vitamine e sali minerali

La pesca è il frutto dell’albero di Pesco, il cui nome scientifico è Prunus persica che appartiene alla famiglia delle Rosaceae.

Tra le varietà di pesca più note vi sono:

  • Pesche comuni: pesca a polpa gialla o bianca con una pelle sottile, è la varietà più nota.
  • Pesche nettarine o pesche noci: con consistenza soda e buccia liscia;
  • Pesche percoche: hanno una polpa più consistente;
  • Pesche tabacchiere: con forma schiacciata e sapore intenso.

Grazie all’abbondante quantità di acqua, ma anche per via del ricco contenuto di potassio che regola l’equilibrio dei fluidi corporei, la pesca è certamente uno tra i migliori frutti ad azione diuretica e depurativa. Proprio il potassio, fondamentale per l’apparato cardiocircolatorio, è benefico per le sue proprietà vasodilatatrici (ovvero, è in grado di rilassare la parete dei vasi sanguigni permettendo un maggiore afflusso di sangue). In generale, la pesca svolge un’importante azione rimineralizzante e ricostituente, grazie al ricco contenuto di minerali, utili soprattutto d’estate. Infatti quando salgono le temperature e aumenta la sudorazione si perdono molti liquidi che devono necessariamente essere reintegrati con l’alimentazione.

Calorie, valori nutrizionali e proprietà

Le poche calorie delle pesche, in sinergia all’elevata quantità di acqua e al buon potere saziante, ne fa un frutto indicato nelle diete ipocaloriche o per chi vuole mantenersi in forma, facendo uno spuntino sano e leggero. Le pesche contengono pochissimi grassi e proteine a basso valore biologico. Dal punto di vista dei micronutrienti, invece, hanno buone quantità di vitamine (in particolare vitamina C e alcune vitamine del gruppo B), sali minerali (potassio, magnesio, fosforo) e composti antiossidanti. 

  • Proprietà antiossidanti

Nella buccia e nella polpa della pesca sono contenute varie sostanze ad azione antiossidante come beta-carotene, luteina, zeaxantina, vitamina E ed C; tutte queste sostanze esercitano benefici sull’apparato cardiovascolare.

  • Azione rinfrescante e dissetante

La pesca è un frutto ideale per prevenire la disidratazione dovuta alla sudorazione eccessiva del periodo estivo, grazie all’elevato contenuto di acqua. Inoltre, l’alto contenuto di minerali la rende un frutto ideale per recuperare i sali minerali persi con la sudorazione.

  • Contrasta la stipsi

La pesca contiene una buona quantità di fibra, che aiuta a stimolare il transito intestinale e a disintossicare dalle tossine. E’ quindi un ottimo rimedio per contrastare la stitichezza.

  • Facilmente digeribile

La pesca è un frutto che si digerisce facilmente e quindi può essere consumata da chi soffre di cattiva digestione, dalle donne in gravidanza e dai bambini che la adorano per il suo sapore dolce e succoso.

Quante pesche mangiare al giorno?

Una porzione standard di pesche è di circa 150 grammi, pari ad un frutto di medie dimensioni. Le linee guida per una sana alimentazione consigliano di mangiare 2 o 3 porzioni di frutta al giorno, perciò, quando sono di stagione, si possono mangiare anche due pesche al giorno, possibilmente alternate ad altri frutti di stagione per rendere la nostra dieta più varia possibile.

Volete contattare Gloria Cartelli?

Scrivete a: cartelligloria@yahoo.iy e visita il mio blog: www.gloriacartelli.blog

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Proprietà della pesca, un frutto estivo antiossidante

LeccePrima è in caricamento