Schianto in curva a 120 orari, morì 17enne: conducente patteggia 4 anni

La vittima Vincenzo Greco, di Patù. Il fratello rimase ferito. Alla guida un amico 20enne. L'incidente avvenne l'anno scorso

L'auto dopo il terribile impatto.

LECCE – Vincenzo Greco aveva 17 anni, era di Patù. Morì dopo interminabili ore di agonia nell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce il 2 maggio dell’anno scorso. Suo fratello rimase a sua volta ferito. Entrambi si trovavano in una Fiat Marea condotta da un terzo giovane, l’unico di loro maggiorenne e neopatentato. Era Youssef El Mankouki, di origine marocchina, ma residente a Patù.

Accolto il patteggiamento

Oggi il giudice per le indagini preliminari Giovanni Gallo ha accolto il patteggiamento avanzato dagli avvocati Paolo Pepe e Federico Martella per conto di El Mankouki: quattro anni la condanna. Considerando le aggravanti della vicenda, fra cui l’aver provocato la morte di un giovane e il ferimento di un altro, così come la velocità sostenuta dell’auto nel centro abitato quando avvenne lo schianto (120 chilometri orari, stando alle perizie, a fronte di un limite di 40), se il processo fosse andato avanti, avrebbe potuto rischiare molto di più.

A questo va aggiunto, peraltro, che il giovane, oggi 20enne, all’epoca fu trovato anche con un tasso alcolemico di 0.6 grammi per litro nel sangue. Non fra i più elevati, senz’altro. Ma, essendo neopatentato, non avrebbe potuto bere nemmeno un goccio.  

Una dinamica terrificante

Era la tarda serata del Primo Maggio dell’anno scorso. Giorno di festa che si tramutò in tragedia per le famiglie dei ragazzi. La Marea condotta da  El Mankouki stava percorrendo la strada provinciale 192 che collega la marina di San Gregorio a Patù.

All’improvviso, l’auto prese una curva a sinistra a velocità elevata proprio all’ingresso del paese. Iniziò a scarrocciare, ormai priva di controllo, fino a sbattere con violenza contro lo spigolo di un muro di cinta sulla sinistra. Ruotando vorticosamente, come la pallina impazzita in un flipper, urtò una seconda volta contro la stessa parete, poi la Marea fu proiettata verso la parte opposta della strada, schiantandosi addosso a un altro muro, questa volta a destra, non senza coinvolgere nel sinistro anche una Smart e una Lancia Y condotte da altri automobilisti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vincenzo morì in ospedale

Vincenzo Greco fu sbalzato fuori dall’abitacolo e recuperato in condizioni critiche dagli operatori del 118. Lo ricoverano al “Fazzi” di Lecce con un trauma cranico, ma poche ore dopo arrivò il decesso. Mentre il fratello si ruppe il naso. I rilievi furono svolti dai carabinieri della stazione di Castrignano del Capo. La famiglia dei due fratelli si era costituita parte civile nel procedimento con l’avvocato Luca Puce.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Giovane turista fa il bagno e sul fondale ritrova bacino in ceramica del XIV secolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento