Cultura

L'Australia "incontra" il Salento con il documentario “Roots in the heart”

Il musicista James Cameroon e il filmaker greco Thanasis Tatavlalis stanno producendo un video racconto di un tour europeo tra folklore, magia e riti curativi. Tappa salentina nel viaggio al Museo archeologico Faggiano di Lecce

LECCE - La bellezza di un grande viaggio non può che arricchire anche se alla base di due giovani avventurieri c’è solo un progetto: “Roots in the heart”. Si tratta di un documentario made in Australia, sostenuto da alcuni sponsor, alla ricerca delle radici nel cuore dell’Europa tra folklore, magia e riti curativi. È il viaggio narrante del musicista australiano James Cameroon e del filmaker  greco Thanasis Tatavlalis, che al termine sarà un video-racconto di circa 100 minuti.

Nel frattempo, il tour europeo intrapreso dai due artisti, iniziato a metà gennaio dalla Grecia, dopo aver fatto tappa in Polonia, Bielorussia, Romania, Serbia, Bulgaria è approdato nei giorni scorsi nel Salento. In particolar modo i due giovani esploratori delle tradizioni del passato sono stati condotti da due supporters pugliesi, Maria Selenia e Mario Bucci, alla scoperta del Museo archeologico Faggiano di Lecce.

Qui tra testimonianze messapiche, riproduzioni della Grotta dei Cervi e tracce sul mistero dei Templari sono stati catapultati in una dimensione per loro nuova, ma dal grande fascino. Un’esperienza italiana, prima di partire per la Germania e poi proseguire verso i Paesi Scandinavi, dal ritmo naturalmente travolgente suggellato con la performance di Simona Indraccolo che ha riproposto la danza della morso della tarantola.

E così James e Thanasis sono ripartiti con alcune testimonianze come quella del professor Alberto Signore, presidente dell’associazione “Amici dei Menhir” e Luciano Faggiano2_intervista_a_luciano_faggiano-2, proprietario dell’omonimo museo, che verranno dapprima diffuse sul circuito delle televisioni dell’Australia, verso l’inizio del 2014, per poi fare il giro del mondo nell’ambito dei vari festival.

Un Salento, quindi, che continua ad essere catalizzatore e che proietta nuovamente il Museo Faggiano oltre i confini dell’Italia o forse, è meglio scrivere, del mondo: Australia. Per informazioni in tempo reale di due protagonisti e autori del documentario occorre seguire il profilo facebook:  https://www.facebook.com/pages/Roots-in-the-Heart-A-European-Folk-Magic-Documentary/153471951474000

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Australia "incontra" il Salento con il documentario “Roots in the heart”

LeccePrima è in caricamento