Martedì, 3 Agosto 2021
Cultura

A Martano si presenta "Filastre" esordio letterario del regista Gianni De Blasi

Una raccolta di cantilene e parolacce in bianco e nero illustrate a colori dall'artista Francesco Cuna e pubblicate da Cosimo Lupo. Domani, la "prima" al castello baronale aragonese con reading, nell'ambito dell'Agorà Design

MARTANO - Nell'ambito della dodicesima edizione della rassegna "Agorà Design" di Martano, verrà presentato ufficialmente domani, alle 18, nel castello baronale aragonese, il libro "Filastre" del regista Gianni De Blasi, appena pubblicato da Lupo Editore. Il testo contiene trenta cantilene e parolacce scritte in bianco e nero dall'autore ed illustrate a colori dall'artista Francesco Cuna.

Giocando con le parole (e non solo) si può dire che i versi si possono leggere in tutti i versi ma non da tutte la parti. Filastre è uno strillo cantilenato, l’attimo dopo il conato di vomito, il respiro della donna in travaglio, la voce stonata e metallica di Hal 9000 che, in 2001 Odissea nello spazio, canta “giro giro tondo” mentre viene disattivato.

Questo è un libro mobile che prevede una partecipazione fisica e diretta da parte del lettore. Ogni Filastra ha una sua “posizione”: qualcuna va letta in orizzontale (tenendo il libro diritto o al rovescio) e qualcun’altra in verticale. Per una corretta fruizione ruotate il libro ad ogni voltata di pagina seguendo la naturale direzione del testo, oppure - se preferite - spostate il vostro punto di vista muovendo voi stessi attorno al libro.

A spiegare il perché di questo esordio letterario, è lo stesso autore e regista: "Scrivo filastre da circa dieci anni, ce ne sono molte infatti che ho scelto di tenere fuori. Le scrivo da quando in una situazione di smarrimento interiore ho iniziato a pensare ad alcune situazioni negative in rima. Fare questo mi faceva star meglio, mi rendeva tutto un po’ più chiaro e più lieve".

"Ho pensato - prosegue - che questo cantilenare ciò che vedevo e che percepivo fosse una sorta di cura autoindotta, da lì la filastrocca si è trasformata in filastra, qualcosa dal retrogusto amaro, acre, forte, salato … dannatamente adulto. Poi è diventato un gioco: parlare di cose “di grandi” col ritmo dei bimbi. Nelle filastre non c’è politica né senso di aggregazione. Sono tutte piccole solitudini bloccate in un loro preciso momento. Sono grida di bambini smarriti nel bosco o sull’altalena a 100 metri d’altezza da cui non riescono a scendere più".

Ma com'è nata la collaborazione con Francesco Cuna? "L’incontro con lui - rivela - è avvenuto seguendo le indicazioni per il cimitero di Cutrofiano: mi ha detto 'parcheggia lì che ti vengo a prendere' … ho capito subito che sarebbe stata una collaborazione fruttuosa ed indimenticabile". Quanto, invece, alla scelta di Cosimo Lupo, l'editore, di sposare questo progetto, De Blasideblasi-2 racconta che tutto è nato dopo le collaborazioni per la sua etichetta come regista di vari videoclip (Mino De Santis, Massimo Donno, Aedo).

"Un giorno gli ho proposto Filastre. Mi ha risposto 'è un’operazione da pazzi che non ha alcun senso… quindi facciamola!'. Al di là del fatto che mi abbia pubblicato un libro penso che persone così possano solo migliorare questo mondo piatto e noioso".

La presentazione ufficiale sarà arricchito dal reading di Fausto Romano. L'Ingresso è gratuito.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Martano si presenta "Filastre" esordio letterario del regista Gianni De Blasi

LeccePrima è in caricamento